Cambiamento climatico e discutibile leadership

Cambiamento-climatico
Visualizzazioni : 52

Un giorno, se ci saranno degli storici rimasti a rimuginare sulle decisioni prese durante l’era attuale, non potranno evitare di ammettere che la leadership politica di tre incapaci, Morrisono, Bolsonaro e Trump, insieme ai loro compagni di viaggio non solo ha ignorato dati scientifici concreti sull’estremo pericolo del Cambiamento climatico, ma ha anche sostenuto misure dannose, estremamente pericolose per l’estinzione della specie umana e di altri esseri viventi.

Diranno gli storici futuri che il folle desiderio specicida della leadership politica del 21° secolo era guidato dalle credenze religiose? E incentivato dalle  convinzioni evangelico-pentecostali sull’inevitabilità dei “tempi finali” preceduti da catastrofi come inondazioni, pandemie, guerre, terremoti e per finire con la “seconda venuta” di Gesù Cristo, fuoco planetario, e con la costruzione del terzo tempio a Gerusalemme sulla Spianata delle Moschee? Diranno che il mondo correva disperatamente verso la catastrofe ambientale o nucleare pur di ricostruire il Tempio e di affrettare la venuta del Messia, che il Giudaismo talmudico sta ancora aspettando?

L’Australia brucia e Morrison prega 

L’Australia sta sperimentando enormi incendi senza precedenti che hanno distrutto centinaia di case, bruciato centinaia di migliaia di acri, posto gli iconici orsi di koala della nazione nella lista di quasi estinzione e fatto precipitare l’area metropolitana di Sydney in condizioni estreme.

Gli anni 2017, 2018 e 2019 sono stati i più caldi in Australia registrati nella storia meteorologica. Nel novembre di quest’anno, sono stati dichiarati stati di emergenza nel Nuovo Galles del Sud e Victoria, con focolai di incendi anche nel Queensland, nell’Australia meridionale e nella Tasmania. I fuochi australiani sono stati così intensi che il cielo sopra la Nuova Zelanda è stato oscurato dal fumo e dalla cenere alla deriva attraverso il Mar di Tasman. Incendi pericolosi si sono verificati nel raggio di nove miglia dal centro di Sydney e istituzioni suburbane come la Macquarie University e il Sydney Adventist Hospital erano in pericolo di incenerimento. 

Morrison non crede ai cambiamenti climatici, sostenendo che non sono fatti dall’uomo ma rappresentano uno sviluppo naturale e intanto prega per il suo Paese negli affollati congressi evangelici del suo Paese, non per gli aborigeni, che dovranno far fronte ad un continente invaso dalla  desertificazione.

In Brasile il “destino manifesto” di Bolsonaro

Gli amerindi della foresta pluviale amazzonica non saranno così fortunati come gli aborigeni. Bolsonaro e il suo patetico regime di sfruttatori industriali credono di essere stati ordinati con un “destino manifesto” per distruggere il bacino amazzonico per attività agricole, raccolta del legname, estrazione mineraria e allevamento. Bolsonaro ha sostenuto l’incendio della regione amazzonica, soprannominato i “polmoni della Terra dagli ambientalisti, al punto da essere stato soprannominato BolsoNERO”, come sostiene Wayne Madsen. Ai pentecostali come Bolsonaro e al suo gregge politico e religioso, che rappresentano il 68 percento della crescente popolazione evangelica del Brasile, le risorse della Terra sono divinate da Dio per nient’altro che lo sfruttamento.

Bolsonaro è arrivato al punto di incolpare gli ambientalisti di aver innescato gli incendi per ottenere simpatia internazionale per i nativi amazzonici. Bolsonaro ha promesso di invadere e occupare finora le 600 riserve protette di circa 300 tribù indigene che parlano 270 lingue diverse. Le tribù minacciate includono Yanomami, Matsés, Kaingang, Karipuna, Araribóia, Munduruku, Arawa, Marãwatsédé, Awa, Caru e Uru-eu-wau-wau. Nell’agosto di quest’anno, ci sono stati così tanti incendi deliberati in Amazzonia da parte degli sfruttatori che i cieli sopra la metropoli di San Paolo sono stat i oscurati a mezzogiorno.

Trump e gli alleati britannici che negano il cambiamento climatico

Dalla deregulation per i pesticidi alla cancellazione dei limiti imposti alle emissioni delle centrali elettriche, passando dal rilancio della fonte energetica più inquinante, il carbone, Donald Trump ha mostrato tutta la sua avversità a ogni politica di tutela ambientale. Fino all’accusa choc di voler ridare spazio a una sostanza micidiale come l’amianto. Convinto di non avere responsabilità planetarie e sentendosi il presidente di quelli che l’hanno eletto, non di tutti gli americani, appena arrivato alla Casa Bianca Trump ha ritirato gli Usa dal patto di Parigi sul riscaldamento globale. 

Lui non ci crede. In compenso ha varato misure destinate ad innalzare ulteriormente la temperatura del pianeta. Trump ha ignorato quasi tutti gli incendi devastanti e letali che nel 2018 hanno distrutto quasi due milioni di acri, con un conseguente risarcimento assicurativo di 12 miliardi di dollari. Ogni anno, gli incendi boschivi in California diventano progressivamente più intensi e diffusi e il 2019 non era diverso. Un recente incendio vicino a Los Angeles si è avvicinato all’incenerimento della Biblioteca presidenziale e del Museo Ronald Reagan nella Simi Valley.

L’alleato britannico di Trump, Boris Johnson, insieme alla sua coorte Brexit, Nigel Farage, sono noti negatori del cambiamento climatico. Mentre gli uragani atlantici iniziano a cambiare rotta verso nord e nordest, le coste di Inghilterra, Galles, Cornovaglia, Irlanda e Scozia sono state colpite per il tipo di devastazione della tempesta costiera che di solito colpisce la Florida e le Caroline negli Stati Uniti. Trump continua a negare la maggiore severità degli uragani di maggiore intensità risultanti dai cambiamenti climatici che hanno trasformato il Panhandle della Florida, il Porto Rico e le Isole Vergini americane in scene che ricordano le città bombardate nelle zone di guerra.

Dove ci porteranno queste squallide e patetiche figure della leadership politica attuale che fanno capo al Trump del partito repubblicano definito da Chomsky senza mezzi termini “la più pericolosa organizzazione di tutti i tempi”?

di Cristina Amoroso

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi