Abuso sui minori: morti in aumento negli Usa

Visualizzazioni : 113

Drammatico lo scenario delle violenze e maltrattamenti verso i minori. Secondo un rapporto pubblicato questa settimana dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, ci sono stati 1.700 decessi derivanti da abuso sui minori nel 2016, rispetto a 1.589 dell’anno precedente – registrando un aumento pari al 7 per cento.

Le cifre comprendono dati provenienti da ogni singolo Stato, ma la maggior parte dell’aumento si verifica in due Stati: Texas, dove le morti sono salite da 162 a 217, e Indiana, dove il bilancio delle vittime è più che raddoppiato da 34 a 70. “Mi si spezza il cuore per i bambini in questo Stato in questo momento”, ha dichiarato il giudice minorile Marilyn A. Moores, la cui aula di tribunale a Indianapolis ha registrato un’impennata nei casi di abuso sui minori a causa dell’epidemia di oppioidi. “I sistemi tradizionali di preallarme non sono funzionanti e i genitori, a causa della dipendenza degli oppioidi, non cercano l’intervento perché i loro figli sarebbero tolti”, ha aggiunto. “Si permette ai bambini di morire. È un dato di fatto”.

Il direttore del Dipartimento per i servizi per l’infanzia dell’Indiana, Mary Beth Bonaventura, si è dimessa dal suo incarico a dicembre. La sua partenza è stata accompagnata da una lettera feroce indirizzata al governatore dell’Indiana Eric Holcomb, accusato di tagliare i servizi e di fare cambiamenti di gestione che secondo tutti porteranno alla morte dei bambini. La lettera proseguiva affermando che aveva scelto “di dimettersi, anziché essere complice nel ridurre la sicurezza, la permanenza e il benessere dei bambini che non hanno nessun altro a cui rivolgersi”.

Negli ultimi anni, il numero di casi di abusi sui minori in Indiana è salito alle stelle, passando da circa 13mila nel 2012 a quasi 24mila l’anno scorso. I finanziamenti, nel frattempo, non hanno tenuto il passo, ha detto Cathy Graham, direttore esecutivo dell’Indiana Association of Resources and Child Advocacy.

In Texas, gli abusi sui minori hanno continuato a crescere nonostante i cambiamenti di personale ad alto livello dell’agenzia per i bambini, nuovi stanziamenti legislativi e un giudice federale, Janis Graham Jack, che nel 2015 ha dichiarato che il sistema di affidamento violava i diritti costituzionali dei giovani posti in affidamento a lungo termine.

Il nuovo rapporto pubblicato questa settimana, non offre teorie che spiegano il forte aumento dei decessi infantili, ma fornisce dati demografici sulle vittime. Secondo il rapporto, il 70% delle vittime era più giovane di tre anni. I tassi di mortalità erano più alti per i ragazzi che per le ragazze, e più alti per i bambini afro-americani che per i bianchi e gli ispanici. I genitori – che agiscono da soli, insieme o con altri individui – sono stati i responsabili nel 78% dei decessi.

Guardando più in generale alle tendenze nazionali, il rapporto ha stimato che 676mila bambini sono stati vittime di abusi e negligenze nel 2016, con un calo dell’1% rispetto al 2015. La maggior parte dei casi riguarda la negligenza; circa il 18 percento ha coinvolto abusi fisici – leggermente in aumento rispetto al 2015.

di Cristina Amoroso

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi