AttualitàDiritti UmaniPrimo Piano

Unicef: Migliaia di bambini malnutriti a Gaza muoiono davanti agli occhi delle madri

Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef), afferma che tremila bambini rischiano di morire davanti agli occhi delle loro madri, poiché sono stati esclusi dalle cure per la grave malnutrizione acuta nel sud di Gaza. Le cifre, basate sui rapporti dei partner nutrizionali dell’Unicef.

“Immagini orribili continuano ad emergere da Gaza di bambini che muoiono davanti agli occhi delle loro madri a causa della continua mancanza di cibo, di forniture nutrizionali e della distruzione dei servizi sanitari”, ha affermato il Direttore regionale dell’Unicef per l’Asia occidentale e il Nord Africa, Adele Khodr.

“A meno che non si riesca a riprendere rapidamente le cure per questi tremila bambini, essi corrono il rischio immediato e serio di ammalarsi gravemente, di contrarre complicazioni potenzialmente letali e di unirsi alla lista crescente di bambini uccisi da questo insensato e criminale regime di privazione”, dichiara Khodr.

I bambini malnutriti corrono un rischio maggiore di contrarre malattie e altri problemi di salute a causa dell’accesso limitato all’acqua potabile, dello straripamento delle acque reflue, dei danni alle infrastrutture e della mancanza di articoli igienici.

Secondo i medici, curare un bambino affetto da malnutrizione acuta richiede in genere dalle sei alle otto settimane di cure ininterrotte e richiede cibo terapeutico speciale, acqua potabile e altro supporto medico.

Unicef: otto mesi di guerra hanno ucciso più di 15.500 bambini

“I nostri avvertimenti sull’aumento delle morti infantili dovute a una combinazione prevenibile di malnutrizione, disidratazione e malattie avrebbero dovuto mobilitare un’azione immediata per salvare le vite dei bambini, eppure questa devastazione continua. Con gli ospedali distrutti, le cure interrotte e le scarse scorte, aumenterà la sofferenza e la morte dei bambini”, ha dichiarato Khodr.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha aggiunto l’esercito israeliano a un elenco globale di autori di reato che hanno commesso violazioni contro i bambini. L’inclusione di Israele nella lista arriva dopo che otto mesi di guerra devastante hanno ucciso più di 15.500 bambini a Gaza e hanno creato quella che le Nazioni Unite definiscono una crisi provocata dall’uomo.

Con molti pozzi d’acqua e condutture di Gaza distrutti durante l’aggressione militare, è diventato sempre più difficile trovare acqua pulita, riferisce l’agenzia delle Nazioni Unite che fornisce assistenza ai rifugiati palestinesi (Unrwa).

L’agenzia delle Nazioni Unite ha affermato in un messaggio su X, che i bambini spesso fanno lunghi viaggi per andare a prendere l’acqua, trascinando pesanti contenitori fino alle loro case o ai rifugi.
I bambini stanno perdendo la loro infanzia a causa di questa guerra. L’Unrwa afferma che il 70% della popolazione beve acqua salata e contaminata da quando Israele ha lanciato la sua brutale aggressione militare a Gaza all’inizio di ottobre.

di Redazione

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi