AsiaPrimo Piano

Turchia, nuovi raid contro Pkk in Iraq

Gli aerei da guerra turchi hanno colpito sabato scorso obiettivi del Pkk nel nord dell’Iraq, ignorando le proteste di Baghdad che considera i ripetuti attacchi aerei della Turchia una violazione della sovranità irachena e mettono in pericolo i civili.

PkkLe autorità irachene hanno convocato venerdì scorso l’ambasciatore turco a Baghdad dopo che Ankara ha dichiarato di aver ucciso otto militanti del Kurdistan Workers Party (Pkk). La Turchia ha dichiarato che continuerà ad attaccare il Pkk fino a quando resterà rifugiato nei suoi covi in Iraq. In una dichiarazione su Twitter, le forze armate turche hanno dichiarato di aver compiuto attacchi aerei nel nord dell’Iraq il 14 e 15 dicembre.

La Turchia colpisce regolarmente le basi del Pkk attraverso il suo confine meridionale, dichiarando che i militanti usano la regione settentrionale irachena come base per attacchi all’interno della Turchia, dove il gruppo separatista curdo ha intrapreso un’insurrezione dagli anni ’80.

Sabato scorso, il presidente Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che i raid aerei turchi contro gli obiettivi del Pkk nella regione irachena di Sinjar all’inizio di questa settimana hanno “trasformato quei luoghi nei loro cimiteri. Li seppelliremo nelle buche che hanno scavato”, ha dichiarato ai sostenitori nella città sud-occidentale della Turchia, Denizli. Erdogan ha minacciato di lanciare un’offensiva di terra nel nord dell’Iraq all’inizio di quest’anno. Questa settimana ha anche annunciato un’operazione imminente contro la milizia curda delle Yekîneyên Parastina Gel (Ypg), nella vicina Siria.

Le milizie Ypg appoggiate dagli Stati Uniti controllano il confine nord-orientale della Siria con la Turchia. Ankara afferma che è un’estensione del Pkk e rappresenta una minaccia diretta per la Turchia. “Le attività dell’organizzazione terroristica del Pkk nel territorio di Iraq e Siria sono diventate una questione di sicurezza nazionale per la Turchia”, ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri Hami Aksoy.

Le operazioni della Turchia “continueranno fintanto che le organizzazioni terroristiche nidificano sul suolo iracheno e finché le esigenze di sicurezza della Turchia lo richiederanno”, ha dichiarato Aksoy.

di Giovanni Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi