AttualitàPrimo Piano

Teheran, quel “Venerdì nero” di 38 anni fa

Iran, rivoluzione islamicadi Redazione

L’Iran commemora il 38° anniversario della strage di manifestanti a Teheran, da parte dall’ex regime appoggiato dagli Usa.

Migliaia di iraniani si sono riuniti ieri in piazza dei Martiri a Teheran, per ricordare coloro che persero la vita durante le proteste dell’8 settembre del 1978, quando gli iraniani hanno sfidato il coprifuoco per chiedere la fine del regime sanguinario di Mohammad Reza Pahlavi.

Per ordine dello Scià, marionetta degli Stati Uniti, le truppe circondarono i manifestanti ed aprirono il fuoco con le mitragliatrici, provocando la morte di centinaia di civili.

Questa drammatica data viene ricordata dagli iraniani come il “Venerdì nero”, il simbolo della Resistenza contro l’oppressione. Dopo la brutale repressione si scatenarono una serie di proteste che portarono pochi mesi dopo al rovesciamento del regime Pahlavi.

La rivolta in seguito al massacro costrinse lo Scià a lasciare l’Iran nel gennaio 1979, inaugurando così l’inizio della Rivoluzione islamica dell’Iran guidata dall’Imam Khomeini.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi