Asse della Resistenza

Soleimani, intervista esclusiva sulla guerra dei 33 giorni

Qassem Soleimani, capo della Forza Quds del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica dell’Iran, è apparso in un’intervista trasmessa martedì per raccontare dettagli esclusivi sulla guerra di luglio del 2006 tra Israele ed Hezbollah.

L’intervista con l’ufficio per la conservazione e la diffusione delle opere del leader supremo della Rivoluzione Islamica in Iran, l’imam Sayyed Ali Khamenei, è la prima con il generale Soleimani da quando è stato nominato capo comandante della Forza Quds.

Parlando delle circostanze della guerra di 33 giorni del 2006, il generale Soleimnai ha sottolineato che Hezbollah era pronto per il confronto con l’entità sionista, mentre il movimento di Resistenza libanese ha deciso l’operazione Verità promessa che ha portato alla cattura di due soldati israeliani. Il raid di frontiera mirava a mantenere un accordo di scambio indiretto nel tentativo di liberare i detenuti libanesi nelle carceri israeliane.

Offensiva precedentemente pianificata

In questo contesto, il generale Soleimani ha dichiarato che l’entità sionista stava inizialmente pianificando una rapida offensiva contro il Libano ancor prima che l’operazione di frontiera avvenisse nel 2006. “Abbiamo concluso che prima di questa guerra, si sarebbe dovuto effettuare un rapido agguato”, ha dichiarato il generale Soleimani, osservando che anche i funzionari israeliani lo hanno riconosciuto dopo la guerra di luglio.

Il principale generale iraniano ha sottolineato che l’obiettivo principale della guerra di luglio era cambiare la demografia del Libano meridionale, in modo che le persone che vivevano in quella zona, che avevano alcuni legami religiosi con Hezbollah, fossero spostate fuori dal Libano. Ha rivelato che il regime sionista ha cercato di attuare lo stesso piano di quanto accaduto dopo il 1967 ai palestinesi nel sud del Libano per costringere le persone a evacuare e stabilirsi in vari campi profughi in Libano, Siria e altri Paesi arabi.

Imam Khamenei nella guerra di luglio

Ricordando la guerra di luglio, il generale Soleimani ha dichiarato che l’Imam Khamenei paragonò la guerra di 33 giorni con la Battaglia della trincea del Profeta Mohammad, o Battaglia dei Confederati, e disse che Hezbollah uscirà vittorioso dopo questa guerra proprio come il Profeta Mohammad e i musulmani sono emersi vittoriosi in quella battaglia. Ha espresso fiducia nell’intuizione dell’Imam Khamenei.

Generale Soleimani e Hajj Imad Mughniyeh

Il sommo generale iraniano ha poi parlato del principale comandante di Hezbollah, Hajj Imad Mughniyeh, martirizzato in un’operazione terroristica condotta dall’agenzia di spionaggio israeliana, il Mossad. Il generale ha dichiarato che Mughniyeh supervisionò direttamente l’Operazione Verità Promessa.

L’alto ufficiale iraniano ha descritto Hajj Imad Mughniyeh con profonda emozione: “Era un generale, nel vero senso della parola. Era un generale con le caratteristiche più simili a Malik Ashtar sul campo di battaglia”, riferendosi a uno dei compagni più fedeli dell’Imam Ali Ibn Abi Talib e all’epoca comandante dell’esercito musulmano.

Altri ricordi di Soleimani

“Quando ha letto la lettera l’ho visto scoppiare in lacrime. È stato così impressionante. E la cosa più importante a riguardo è stata la lettera di Sayyed Nasrallah in risposta”, ha dichiarato il generale Soleimani. Ha anche ricordato un momento in cui il generale iraniano e Hajj Imad Mughniyeh sono sopravvissuti a un potenziale raid di un drone israeliano nel sobborgo meridionale di Beirut (Dahiyeh) durante la guerra di luglio.

Il generale Suleiman parla inoltre dei ricordi della guerra di luglio, rivelando che egli stesso venne in Libano attraverso la Siria, accompagnato da Hajj Imad Mughniyeh, per incontrare il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hasan Nasrallah. Ha anche rivelato che la lettera inviata a Sayyed Nasrallah dai combattenti della Resistenza durante la guerra di luglio è stata un’idea di Hajj Imad Mughniyeh.

di Giovanni Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi