Siria, i “ribelli” si ritirano da Homs

Visualizzazioni : 22

di Redazione

Dopo anni di assedio e crimini contro i civili, i “ribelli” siriani hanno iniziato questa mattina ad evacuare l’ultimo quartiere ancora sotto il loro controllo nella città di Homs, dopo un accordo raggiunto con il governo siriano. 

Tre autobus con a bordo 150 “ribelli” hanno lasciato oggi la zona di Waer, ex roccaforte dei miliziani, da loro denominata “la capitale della rivoluzione”. L’accordo è stato raggiunto all’inizio di questo mese e vedrà circa duemila miliziani e le loro famiglie lasciare il quartiere di Homs.

Gli autobus si sono diretti verso l’area di Qalaat al-Madiq nella provincia di Hama, e successivamente nella provincia nord-occidentale di Idlib, dove alcune aree sono ancora sotto il controllo del Fronte al-Nusra e del Libero esercito siriano.

All’inizio di questo mese, il governatore di Homs Talal Barazi ha dichiarato che tutti i “ribelli” avrebbero lasciato il quartiere di Waer entro due mesi, in cambio della cessazione delle operazioni militari dell’esercito siriano. La città è ritornata sotto il pieno controllo delle autorità siriane e ciò permetterà il rientro di migliaia di civili nelle loro case, fuggiti diversi mesi fa dalla furia becera dei cosiddetti “ribelli”.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi