Medio OrientePrimo Piano

Libano, la guerra israeliana è inutile

Il direttore del blog del Carnegie Center for the Middle East, Michael Young, conferma in questo articolo pubblicato sul sito del blog, che tutte le opzioni di escalation israeliane falliranno contro Hezbollah se Tel Aviv non fermerà la guerra a Gaza. Ha anche osservato che il massimo risultato che Israele può ottenere sul fronte libanese attraverso i negoziati è il ritorno alle regole di ingaggio che esistevano prima del 7 ottobre 2023. Young si è fatto beffe delle ultime minacce di Gantz contro il Libano e la sua Resistenza, lanciate durante il conferenza annuale di Herzliya, in cui ha affermato che Israele è in grado di eliminare Hezbollah in pochi giorni e di imporre una minaccia assoluta al Libano se Hezbollah bombarderà gli impianti elettrici nella Palestina occupata.

L’articolo:

Con l’aumento delle tensioni al confine tra Libano e Israele, molti osservatori si aspettano che Hezbollah e l’IDF entrino presto in uno stato di guerra. Il 26 giugno molti governi hanno consigliato ai propri cittadini di lasciare il Libano. C’è sicuramente un’alta probabilità di un’escalation nelle prossime settimane, ma al momento non siamo arrivati ​​alle fasi finali della preparazione al Giorno del Giudizio Libanese-Israeliano.

Perché i pessimisti sono così positivi? A causa dei segnali ovattati dell’amministrazione Biden. Durante la sua ultima visita a Washington, una delegazione israeliana ha sentito da funzionari americani che, in caso di conflitto con Hezbollah, gli americani avrebbero sostenuto pienamente Israele. Ciò ha spinto uno dei commentatori a dire ad un giornale libanese che “il semaforo rosso dato dal governo americano contro qualsiasi attacco israeliano è diventato arancione, e potrebbe presto diventare verde”.

Tutto ciò può essere vero, ma è più probabile che le dichiarazioni dell’amministrazione Biden facciano parte di uno sforzo concertato per aumentare la pressione su Hezbollah affinché sia ​​più flessibile nel raggiungere una soluzione negoziata sui confini. La ragione di ciò è che i funzionari americani hanno ripetutamente affermato, durante la visita del ministro della Difesa israeliano, Yoav Galant, a Washington, che una nuova guerra libanese sarebbe catastrofica per il Libano e Israele. Gli Stati Uniti temono che la questione diventi un carburante regionale che attirerà le forze americane. Ecco perché il ministro della Difesa americano, Lloyd Austin, ha dichiarato a Gallant che “la diplomazia di principio è l’unico modo per prevenire un’ulteriore escalation delle tensioni nella regione”.

Il presidente Joe Biden è anche consapevole che la guerra in Libano potrebbe compromettere ogni sua possibilità di vincere le elezioni americane di novembre. Ciò lascerà il presidente intrappolato tra l’ala destra e quella sinistra del suo partito democratico diviso nelle settimane precedenti il ​​voto. Inoltre, aumenterà l’alienazione degli arabi americani e dei progressisti, dividerà gli elettori democratici e porterà a livelli elevati di astensione in alcuni blocchi elettorali, il che danneggerà Biden negli Stati indecisi. Secondo il Washington Post, Donald Trump è in testa a Biden in 5 dei 7 Stati che dovrebbero determinare i risultati delle elezioni.

Tuttavia, Israele ed Hezbollah stanno facendo ogni sforzo per evitare lo scontro. Il livello di intimidazione ha raggiunto livelli surreali. Hassan Nasrallah, il segretario generale di Hezbollah, ha minacciato di bombardare Cipro se avesse usato l’isola come base per attaccare il Libano, e l’ex ministro israeliano Benny Gantz ha avvertito che se la rete elettrica nel suo Paese dovesse crollare, Israele potrebbe “mettere il Libano nell’oscurità più totale e smantellare Hezbollah in pochi giorni”. Gantz non capisce che la rete elettrica in Libano attualmente fornisce al massimo solo poche ore al giorno, e l’IDF, che non è riuscito a “smantellare” Hamas in nove mesi, non riuscirà a farlo con Hezbollah in pochi giorni.

Chiunque può vedere che Hezbollah e Israele stanno giocando per determinare chi si muoverà per primo, nonostante il solito avvertimento che “tutto può andare storto”. Naturalmente è possibile, ma la sorprendente verità è che negli ultimi nove mesi entrambe le parti hanno per lo più manovrato rispettando le regole d’ingaggio, anche se occasionalmente hanno oltrepassato i limiti per rafforzare le loro capacità di deterrenza.

La verità è che Israele non sembra avere opzioni militari che possano portare a un risultato migliore di una soluzione negoziata. Fondamentalmente, ci sono due approcci generali che gli israeliani possono adottare per rassicurare i residenti del nord di Israele e incoraggiarli a tornare alle loro case. Il primo è liberare la zona di confine dai combattenti Hezbollah, o dal maggior numero possibile, creando una zona libera dal fuoco nel sud del Libano. In linea di principio ciò può sembrare positivo, ma la situazione attuale non ha migliorato significativamente la sicurezza di Israele. Hezbollah risponderà sparando sull’area nel nord di Israele e creando lì un’atmosfera che allontanerà la popolazione. Non c’è dubbio che il partito si sforzerà di imporre la sua equazione: non c’è pace e sicurezza nel nord di Israele se non ci sono pace e sicurezza nel sud del Libano. Non è chiaro come Israele possa impedirlo.

La seconda opzione è entrare nel territorio libanese e cercare di imporre un nuovo equilibrio di potere lungo il confine. Ma cosa significa in realtà? A meno che Israele non sia disposto a invadere il sud, rimanervi e costruire una nuova zona di sicurezza, come ha fatto tra la metà degli anni ’70 e il 2000, ciò potrebbe portare a un risultato in grado di rovesciare un governo israeliano già debole. L’invasione limitata farà sì che Hezbollah ritorni nell’area di confine una volta che gli israeliani se ne saranno andati, mentre l’occupazione a lungo termine trascinerà Israele in un nuovo pantano libanese.

Tutto ciò avviene sullo sfondo dei resoconti della stampa israeliana sulla mancanza di capacità militari israeliane per la guerra su più fronti. Come ha commentato Zvi Barel, commentatore del quotidiano Haaretz, Israele ha problemi di manodopera per portare a termine tutti i compiti che si è prefissato: “Il grande deficit nel bilancio del capitale umano di Israele impone di riconsiderare il numero di guerre che può affrontare – finché tale opzione esisterà ancora.” Allo stesso tempo, il sistema di difesa aerea israeliano, di cui si vanta, potrebbe essere a rischio, con gli Stati Uniti che avvertono che il suo sistema Iron Dome potrebbe crollare a causa dei massicci attacchi missilistici di Hezbollah. In altre parole, nonostante la sua abilità militare, Israele potrebbe soffrire un duro colpo in Libano, che potrebbe essere mortale per il suo governo.

Pertanto, il risultato più affidabile per gli israeliani è quello che rifiutano fermamente: il ripristino dello status quo esistente prima del 7 ottobre, che ha mantenuto la stabilità nel sud per diciotto anni. Questo è ciò che Hezbollah preferisce, ma l’accettazione di ciò da parte del governo Netanyahu non solo costituirebbe un riconoscimento del fallimento degli obiettivi dichiarati nella guerra, ma non rassicurerebbe nemmeno gli abitanti del nord e spingerebbe molti di loro ad allontanarsi dalla regione in modo permanente.

Allora cosa dovrebbero fare gli israeliani? Di solito, di fronte a tali dilemmi, il loro default è distruggere tutto, mentre nulla cambia. Questo è quello che è successo in Libano nel 2006, e sta succedendo di nuovo a Gaza, dove la mancanza di un piano governativo realistico per il dopoguerra sta frenando la campagna militare privandola di uno scopo politico. Anche gli sforzi di Israele per distruggere Gaza in modo da costringere i residenti a lasciare l’area sta fallendo.

di Redazione

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi