AttualitàPrimo PianoSocietà

Kansas fa causa alla Pfizer per aver mentito sugli effetti del vaccino Covid

Il Kansas ha citato in giudizio Pfizer Inc., accusando il gigante farmaceutico di aver travisato la sicurezza del suo vaccino contro il Covid-19 e di aver violato la legge statale sulla protezione dei consumatori. La causa è stata intentata dal procuratore generale dello stato Kris Kobach presso il tribunale distrettuale del Kansas, nella contea di Thomas. La causa sostiene che l’azienda farmaceutica ha ingannato il pubblico affermando di avere un vaccino anti-Covid-19 sicuro ed efficace.

Pfizer ha affermato che il suo vaccino avrebbe impedito la trasmissione del Covid-19, anche se l’azienda sapeva di non aver mai studiato l’effetto del suo vaccino sulla trasmissione del virus, secondo la causa.
“Pfizer ha affermato che il suo vaccino contro il Covid-19 era sicuro anche se sapeva che era collegato a gravi eventi avversi, tra cui miocardite e pericardite, gravidanze fallite e decessi”, ha scritto lo Stato nella denuncia.

Dichiarazioni Pfizer relative al suo vaccino hanno violato il Kansas Consumer Protection Act

Le azioni e le dichiarazioni di Pfizer relative al suo vaccino anti-Covid-19 hanno violato il Kansas Consumer Protection Act, indipendentemente dal fatto che un singolo consumatore alla fine abbia ricevuto il vaccino anti-Covid-19 di Pfizer, afferma la denuncia. Secondo la causa, la società ha somministrato più di 3,5 milioni di dosi di vaccino in Kansas a partire dal 7 febbraio 2024.

La denuncia afferma inoltre che Pfizer mantiene un proprio database sugli eventi avversi, separato dal Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), un sistema nazionale di allerta precoce gestito dalla Food and Drug Administration e dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie per rilevare possibili problemi di sicurezza in Vaccini con licenza statunitense.

Secondo la causa, il database della Pfizer conteneva casi di eventi avversi segnalati spontaneamente alla Pfizer, casi segnalati dalle autorità sanitarie e casi pubblicati nella letteratura medica. “In base alle informazioni e alle convinzioni, il database degli eventi avversi di Pfizer conteneva più dati sugli eventi avversi rispetto al VAERS perché includeva sia informazioni nel VAERS che informazioni non nel VAERS”, ha scritto Kobach.

Dichiarazione Pfizer

Pfizer in una dichiarazione via e-mail ha affermato che “le dichiarazioni fatte da Pfizer riguardo al suo vaccino COVID-19 sono state accurate e basate sulla scienza” e la società “ritiene che il caso dello Stato non abbia merito e risponderà alla causa a tempo debito”. “Dalla sua autorizzazione iniziale da parte della FDA nel dicembre 2020, il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 è stato somministrato a più di 1,5 miliardi di persone, ha dimostrato un profilo di sicurezza favorevole in tutte le fasce di età e ha contribuito a proteggere da gravi esiti di COVID-19, tra cui ricovero in ospedale e morte”, ha affermato la società.

Lo Stato chiede il risarcimento dei danni per le violazioni da parte di Pfizer del Kansas Consumer Protection Act e chiede al tribunale di ordinare a Pfizer di pagare sanzioni civili per presunte violazioni di precedenti ordini di consenso con lo Stato.

di Redazione

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi