Iran, le menzogne della Reuters sulle “rivolte” di novembre

Iran
Visualizzazioni : 142

Iran – È facile citare imprecisate fonti per rivendicare un elevato bilancio delle vittime delle “ribellioni” dello scorso mese, ha dichiarato il capo della segreteria per l’informazione e le comunicazioni del Supreme National Security Council iraniano (Snsc), Alireza Zarifian Yeganeh. Il funzionario iraniano ha aggiunto che tali mosse fanno parte della guerra psicologica contro Teheran.

Nel corso di un’intervista rilasciata lunedì scorso, Alireza Zarifian Yeganeh ha respinto categoricamente il rapporto dell’agenzia di stampa Reuters in cui su affermava che circa 1.500 persone erano state uccise durante i recenti scontri per l’aumento dei prezzi del carburante. Yeganeh ha dichiarato che tali affermazioni si basano su “Falsa propaganda”.

Il comunicato dell’agenzia inglese riporta che “circa 1.500 persone sono state uccise durante i disordini iniziati il 15 novembre, tra cui almeno 17 adolescenti e circa 400 donne”. Reuters ha affermato che le cifre erano state fornite “da tre funzionari del ministero degli Interni iraniani”, senza ulteriori precisazioni. “Tali tipi di notizie e accuse non sono affatto un compito complicato. Queste affermazioni sono livellate in base a una serie di guerre psicologiche premeditate e mancano di credibilità”, ha osservato Zarifian Yeganeh. “Le proteste che Reuters ha menzionato nel suo rapporto sono totalmente prive di valore non solo in termini di problemi di sicurezza e intelligence, ma nel campo delle notizie e dei media, e danneggeranno la credibilità già offuscata di questa agenzia”, ha aggiunto il funzionario iraniano.

Iran, aumento costo benzina pretesto per fomentare violenza

A metà novembre, il governo iraniano ha aumentato i prezzi della benzina per moderare il tasso di consumo nazionale. La mossa ha suscitato proteste in gran parte pacifiche, ma sono diventate violente quando individui armati hanno approfittato della situazione per vandalizzare le proprietà pubbliche e statali e attaccare civili e forze di sicurezza. Poco dopo lo scoppio delle “rivolte”, il leader supremo della Rivoluzione Islamica, l’Ayatollah Seyed Ali Khamenei, ha incaricato il Consiglio supremo di sicurezza nazionale di compilare un rapporto dettagliato sui motivi alla base delle violenze.

Giovedì scorso, il segretario del Consiglio Supremo di sicurezza nazionale iraniano, Ali Shamkhani, ha dichiarato che i Paesi nemici hanno pianificato di aumentare il numero di vittime durante i recenti disordini in diverse città. “Oltre l’85% delle vittime dei recenti incidenti nelle città della provincia di Teheran non ha preso parte a nessun raduno e sono stati uccisi a sangue freddo con armi da fuoco e in modo molto sospetto”, ha dichiarato Shamkhani durante un incontro con le famiglie di alcune delle vittime delle “rivolte”. Il segretario del Consiglio Supremo di sicurezza nazionale ha sottolineato che c’è stato sicuramente un complotto da parte dei Paesi ostili all’Iran per causare il maggior numero possibile di vittime e attribuire la responsabilità alle forze di sicurezza iraniane.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi