Iran, la più grande potenza missilistica in Medio Oriente

Iran
Visualizzazioni : 94

L’Iran detiene la prima posizione nel campo della tecnologia missilistica tra i Paesi del Medio Oriente, grazie agli instancabili sforzi dei suoi esperti e scienziati, ha dichiarato martedì scorso il capo dello staff delle forze armate iraniane. “Oggi la Repubblica Islamica ha raggiunto il potere sostenibile in varie aree militari”, ha dichiarato il maggiore generale Mohammad Hossein Bagheri durante una visita agli ultimi risultati della forza volontaria iraniana Basij. Alcuni dei principali risultati includono la promozione degli ideali della Rivoluzione Islamica del 1979 e la sua resistenza contro gli oppressori del mondo. Il comandante iraniano ha reso omaggio al compianto Hassan Tehrani Moghaddam, affermando che l’Iran è diventato la più grande potenza missilistica nella regione grazie agli sforzi e ai sacrifici di queste persone.

Tehrani Moghaddam era un ufficiale militare iraniano nell’Aerospace Force of the Islamic Revolution Guard Corps (Irgc) e noto come il padre del programma missilistico iraniano. È morto il 12 novembre 2011 in un’esplosione nella base militare dell’Irgc a ovest di Teheran.

Il maggiore generale Bagheri ha affermato che la Repubblica Islamica dell’Iran è anche riuscita a rivelare il vero volto delle potenze arroganti globali, in particolare il regime degli Stati Uniti, negli ultimi anni, grazie al suo potere e alla sua posizione nella regione.

Il settore della Difesa iraniana ha visto molti grandi successi realizzati dagli ingegneri iraniani negli ultimi anni. Teheran ha ripetutamente annunciato che il suo potere militare è mirato solo a difendere il Paese dalle minacce e non presenta alcuna minaccia per gli altri.

Iran rafforza capacità di Difesa

I funzionari iraniani hanno ripetutamente sottolineato che il Paese non esiterà a rafforzare le sue capacità militari, compreso il suo potere missilistico, che sono interamente destinate alla difesa, e che le capacità di Difesa dell’Iran non saranno mai oggetto di negoziati.

Nel febbraio 2018, il leader della Rivoluzione Islamica, l’Ayatollah Seyed Ali Khamenei, ha chiesto maggiori sforzi per mantenere e potenziare le capacità di difesa dell’Iran, accusando i Paesi nemici di aver contestato il legittimo programma missilistico del Paese.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi