Discover Iran

Iran celebra 41° anniversario della Repubblica Islamica

Oggi ricorre il 41° anniversario della costituzione della Repubblica Islamica come sistema di governo dell’Iran, dopo il voto schiacciante del popolo iraniano a favore di questa istituzione in un referendum nazionale. Lo storico referendum si è tenuto il 30 e 31 marzo 1979 e i risultati sono stati annunciati il 1° aprile, con il 98,2 per cento dei votanti che ha detto Si alla Repubblica Islamica. Da allora la giornata è stata denominata “Festa della Repubblica Islamica” nel calendario iraniano, ed è festa nazionale.

Il referendum è arrivato circa due mesi dopo la Rivoluzione Islamica, sotto la guida del suo defunto fondatore Imam Khomeini, che ha rovesciato il regime Pahlavi appoggiato dagli Stati Uniti. Tenere un referendum appena due mesi dopo una rivoluzione storica descrive come l’Imam Khomeini stesse cercando di stabilire la democrazia in un Paese che era stato governato dalla monarchia per circa 2.500 anni.

Da allora, l’Iran ha tenuto dozzine di elezioni per parlamento, presidenza, consigli comunali e Assemblea degli esperti, per attestare che il sistema si basa sui voti delle persone.

La Repubblica Islamica dell’Iran è un prezioso pacchetto di contenuti nazional-islamici sia all’interno che all’esterno del Paese. Negli ultimi quattro decenni, ogni evento politico o sociale in Iran, che può essere classificato come questione interna, si è trasformato in argomento importante a livello internazionale. Questo perché alcuni Paesi vedono la Repubblica Islamica dell’Iran come un modello unico che è stato in grado di stabilire un solido legame tra il sistema repubblicano e l’Islam.

Democrazia e Islam in Iran

Questo collegamento ha cambiato la definizione di quegli eventi sociali e politici dalle definizioni in Occidente. In altre parole, le elezioni in Iran sono molto diverse da quelle che si svolgono nei Paesi occidentali dove si basano solo sulla forma controllata della democrazia.

La democrazia e l’Islam sono complementari ed è per questo che la Rivoluzione Islamica e i suoi leader sottolineano l’importanza di questa combinazione e la rispettano molto.  

Ogni anno si tengono cerimonie per commemorare l’anniversario, ma quest’anno, mentre il Paese sta combattendo contro la pandemia di coronavirus, non si svolgeranno manifestazioni.

di Yahya Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi