Asse della ResistenzaPrimo Piano

Imad Mughniyeh, il maestro dell’amore e del martirio

Puoi solo conoscere veramente Imad Mughniyeh dalle testimonianze di coloro che lo hanno conosciuto. Analizziamo le informazioni su di lui come se cercassimo attraverso i segreti. Più lo scopriamo, più ci rendiamo conto che la sua è una storia infinita. Il futuro promette di rivelare di più ma non tutto. Con Imad Mughniyeh, continueremo ad aspettare. Questo è il potere dell’amore e il linguaggio del cuore che i suoi occhi raccontano. È l’era di Imad Mughniyeh che continuerà a riportarci a lui. Ci ricorda che chi ha la mente del futuro non muore. È la verità che ci toccherà.

Per molti, Imad Mughniyeh rimane un comandante militare. Le sue foto, i ruoli e le responsabilità erano dominati dal personaggio jihadista. I media e i politici hanno trascurato che l’uomo aveva diversi ruoli e talenti. Hanno fatto un errore quando sono stati abbagliati dalla foto, e non colui che è dentro! Come al solito, gli osservatori annegarono in eventi circostanziali e affrontarono l’incidente come uno dei tanti assassinii. E poi è iniziato il gioco della rappresaglia. L’entità e la posizione dell’uomo richiedono un esame approfondito: come reagirebbe Hezbollah? Chi potrebbe colpire?

A quel tempo, la regione era ad un punto di svolta. Gli osservatori non erano a conoscenza di ciò che stava arrivando. Solo Imad Mughniyeh e il suo successore capirono che ciò che stava accadendo era parte di un quadro più ampio. Due anni dopo l’assassinio, una serie di eventi entrò in gioco e le vie del conflitto iniziarono a chiarirsi. La scena divenne più chiara agli altri. Era più di un semplice assassinio! Era un passo necessario per rimescolare le carte. Solo Imad Mughniyeh, che se n’è andato, l’ha visto. Ecco la domanda: chi è partito?

Imad Mughniyeh bilanciava la forza e la mente

La brillante mente che era in grado di collegare i percorsi del conflitto era sparita. Aveva l’abitudine di integrare gli eventi nella scena del conflitto più ampio. Aveva l’abitudine di bilanciare tra la forza, la mente e concentrandosi sulle priorità tenendo d’occhio l’obiettivo strategico. La traduzione pratica di questa regola teoricamente facile è molto difficile nel mondo della pianificazione. La definizione delle priorità richiede una lettura accurata della realtà e un’analisi accurata. Qui, le qualità della leadership sono utili. È qui che Imad Mughniyeh è tornato utile. Era consapevole del fatto che ogni fase aveva le sue priorità.

Imporre la Resistenza islamica alle regole del conflitto

Tra la Rivoluzione palestinese del 1965 e la Rivoluzione islamica del 1979 in Iran, la priorità per Haj Radwan era quella di stabilire il cuore del Jihad. Questo fu aiutato dall’avvento di Khomeini, dalla battaglia di Khaldeh nel 1982 e dalla fondazione di Hezbollah nel 1985. Fino al 1992, il contesto richiedeva di dimostrare la propria esistenza e rafforzare la presenza del Jihad. Fino al 1999, Haj Imad ha progettato l’infrastruttura militare e di sicurezza di Hezbollah e ha formulato le sue equazioni strategiche. L’obiettivo era essere in grado di imporre la Resistenza islamica alle regole del conflitto. Grandi sacrifici sono stati fatti durante questi anni. 

Nel 1984, suo fratello Jihad fu martirizzato. Nel 1994, il suo secondo fratello Fouad fu martirizzato. Haj Radwan ha tenuto d’occhio l’obiettivo strategico, che vedeva la sconfitta dell’entità israeliana. Nel 2000, Hezbollah ha capitalizzato queste equazioni e ha creato la prima trasformazione nella storia del conflitto arabo-israeliano. Da qui la vittoria della Liberazione del Sud del Libano del 25 maggio 2000.

Haj Imad ha continuato a realizzare altri risultati. La priorità è stata cambiata dal guardare l’entità israeliana sperimentare la sconfitta per ottenere vittorie e imporle come una realtà a livello regionale. Nel 2006, il Partito di Dio ha consolidato nuove equazioni nel conflitto grazie alla sua vittoria che si è dimostrata efficace. I movimenti di Resistenza hanno capitalizzato su queste equazioni che hanno facilitato le vittorie del Libano nel 2006 (Guerra dei 33 giorni), che a loro volta hanno portato ad un’altra trasformazione nel conflitto arabo-israeliano.

L’assassinio di Imad Mughniyeh

Il 12 febbraio 2008, Haj Imad se ne andò e portò con sé i suoi segreti. Haj Imad è stato in grado di trasferire Hezbollah e la sua forza dalle influenze locali a quelle regionali. Era anche in grado di imporre le equazioni della Resistenza sulla regione. Dopo la sua partenza, i giorni hanno rivelato uno dei suoi segreti, che era l’unità dell’Asse della Resistenza. Era anche il risultato delle equazioni elaborate da Haj Imad Mughniyeh. La sua carriera era piena di risultati. La personalità di Haj Imad era ricca di valori che rimangono nascosti. 

Fu uno dei primi a contribuire alla creazione della guerra dell’informazione. Eppure, i media non gli hanno reso giustizia nonostante molte ragioni. Haj Imad Mughniyeh ha dato origine agli uomini attraverso i suoi valori, tra cui l’etica pratica, l’umiltà, la vera fede, la fede in Dio, il rafforzamento della spiritualità.

Oggi il conflitto si sta trasformando in globale, ed è tempo di mostrare alcuni di questi valori. Hezbollah non riconoscerà il potere nascosto che Imad Mughniyeh ha colpito il nemico sia nella regione che nel mondo. Continuerà a presentare i risultati delle vittorie come parte di molte delle strategie di Imad Mughniyeh. Siamo tenuti a proiettare un talento multi-tasking di Imad Mughniyeh in diverse lingue. È diventato un requisito che noi incorporiamo Imad Mughniyeh nei nostri ruoli per consentirci di affrontare i problemi con una mente collettiva, il linguaggio umano e un impatto del presente sul futuro, senza allontanarsi dal sistema dei valori storici.

Solo la storia scrive le vere lezioni

Solo la storia scrive le vere lezioni. La storia di coloro che affogano nei racconti del presente terminerà con la loro partenza. Ma coloro che vivono il futuro durante il loro presente, ogni giorno dopo la loro partenza, saranno una storia per la loro nazione in attesa di rivelare di più su di loro e sulla loro storia. Questo era Imad Mughniyeh in molte lingue e personalità diverse. Le sue immagini incarnavano le dimensioni militari e di sicurezza della sua personalità. Tuttavia, queste dimensioni sono solo alcuni dei suoi ruoli. 

Il profumo della Palestina che adorava, il suo sorriso affascinante, i suoi begli occhi e le sue parole seducenti scaturivano dal cuore di un uomo che possedeva non solo forza, ma anche amore e adorazione per il significato dell’Uomo. Lo stesso significato che molti non conoscono in un mondo in cui non c’è posto per i deboli. Era Imad Mughniyeh, il creatore di una nuova era per l’uomo. Questa è l’era di Imad Mughniyeh, il maestro dell’amore e del martirio.

di Yahya Sorbello

 

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi