Guerra Yemen, la complicità degli Stati Uniti

Visualizzazioni : 89

Il leader del movimento di Resistenza dello Yemen Ansarullah, Abdul Malik al-Houthi, ha promesso che d’ora in poi gli yemeniti risponderanno all’aggressione saudita e degli Emirati arabi uniti colpendo direttamente questi Paesi. 

Abdul Malik al-Houthi ha fatto queste osservazioni quando sono trascorsi mille giorni dalla scoppio della guerra condotta dalla coalizione a guida saudita contro lo Yemen. Al-Houthi afferma che la coalizione araba dovrebbe essere confusa se pensa che gli yemeniti rimarranno inattivi e non facciano nulla mentre assistono alle atrocità commesse contro le loro donne e i loro bambini.

Il leader yemenita punta il dito contro gli Stati Uniti per essere il principale colpevole della guerra. Houthi afferma che Riyadh ha utilizzato armi degli Stati Uniti e del Regno Unito negli ultimi tre anni. Il capo di Ansarullah ha dichiarato che nonostante l’uso di tutti i mezzi possibili, i sauditi e i loro alleati non sono riusciti a raggiungere i loro obiettivi in Yemen.

Da marzo 2015, lo Yemen è vittima di una vile aggressione militare da parte della coalizione guidata dai sauditi. Oltre 13mila yemeniti, per lo più civili, tra cui donne e bambini, sono rimasti uccisi sotto i bombardamenti sauditi. La coalizione guidata dal regime saudita, appoggiata dagli Stati Uniti, ha anche imposto un blocco ai porti e agli aeroporti del Paese come parte della sua aggressione volta a spodestare il popolare movimento di Resistenza Ansarullah e a ripristinare l’ex presidente, fantoccio di Riyadh, Abdurabbuh Mansour Hadi.

Per l’Arabia Saudita la guerra sta divenendo insostenibile per il crescente costo delle operazioni e delle coperture internazionali da comprare, e per il prezzo politico divenuto proibitivo. Riyadh, ovvero Mohammed bin Salman, l’attuale principe ereditario saudita e Ministro della Difesa, nel marzo del 2015 aveva lanciato l’operazione per affermare la propria egemonia nell’area; il disastroso esito dell’operazione sta erodendo rapidamente credibilità e peso politico della corona saudita. L’aggressione militare di Riyadh ha gravemente danneggiato le infrastrutture dello Yemen, oltre ad aver causato la morte di oltre 13mila persone.

di Redazione

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi