Asse della ResistenzaPrimo Piano

Giornata di Quds e Resistenza

Col Nome di Dio il Clemente il Misericordioso… Nell’Islam, Gerusalemme è nominata Quds, che vuol dire “pura” e “sacra”. “Io spero – disse l’Imam Khomeyni – che i musulmani attribuiscano la dovuta importanza alla giornata di Quds e che in questa giornata di Quds, ultimo venerdì del mese benedetto di Ramadan, in tutti i paesi musulmani, essi manifestino, tengano delle riunioni, delle assemblee, che il loro clamore riecheggi nelle moschee…

Al Quds DayQuando questo clamore di più un miliardo di persone rimbomberà, Israele non potrà fare niente: temerà questo clamore. Se tutti i musulmani che si trovano attualmente nel mondo (…), se tutti uscissero e gridassero: ‘Morte all’America! Morte a Israele! (…)’, queste stesse parole comporterebbero la loro morte. (…)

Sarebbe bene che noi traessimo qualche lezione da quei giovani che sono in America, in Inghilterra e nei paesi d’Occidente, che manifestano, che fronteggiano la polizia che li incatena, ma loro, incatenati, continuano a gridare e a reclamare giustizia. Apprendiamo da questi giovani il cui clamore è per l’Islam.” (1)

“Oggi, la prima Direzione della Preghiera (qiblah) dei musulmani è caduta nelle mani di Israele, questo tumore canceroso del Medio Oriente. Oggi, Israele colpisce con tutte le sue forze i nostri cari fratelli palestinesi (…) e li massacra. Oggi, Israele semina zizzania con tutti i suoi satanici mezzi. E’ imperativo per tutti i musulmani mobilitarsi contro Israele.”(2)

“Oggi, (…) noi vediamo dei mujahidin che si sono elevati, prestandosi a donare la loro vita, in un jihad eroico contro l’occupazione e l’aggressione e per la liberazione della Palestina e dei territori occupati. (…) Noi vediamo la propaganda e gli intrighi dirigersi contro loro, in diversi luoghi, tutti su istigazione e per l’estremismo dei servi della colonizzazione (…). E’ permesso che i mujahidin palestinesi siano massacrati (…) e che gli altri rimangano in silenzio davanti a questo crimine, vedendo che si sono uniti e tramano insieme contro questo jihad di liberazione (…)?

Oggi, (…) è imperativo che tutti i musulmani in generale (…) si impegnino in maniera responsabile nella protezione e nel sostegno di questo gruppo combattente e non risparmino alcuno sforzo per fare pervenire a questi mujahidin armi, viveri e riserve. Ed è imperativo che i fedayn combattano tuttavia con la più grande fermezza e ardore per la causa sacra, si affidino a Dio e si aggrappino agli insegnamenti del Corano; che essi non si scoraggino per la mollezza e la freddezza di qualche elemento e che il loro fervore liberatore non ne patisca mai.” (3)

E tutti i combattenti o mujahid,

tra le genti della Tua religione e coloro che seguono la Tua tradizione,

che lottano e fanno il jihad contro loro perché la Tua religione domini,

che il Tuo partigiano sia il più forte e che la Tua parte sia la migliore,

fa che egli si trovi nell’agiatezza, facilitagli le cose

e donagli la vittoria.”

(Invocazione dell’Imam Zainul Abidin per i combattenti dell’Islam)

<Sono i popoli stessi – disse l’Imam Khomeyni – che devono preoccuparsi di loro stessi. Se si fosse restati in attesa che gli Stati avessero fatto qualche cosa per noi, (…) l’ex Shah regnerebbe sempre su di noi. E’ con questa fede apparsa nel nostro popolo, è con la forza di questa fede che noi ci siamo opposti alle superpotenze, che noi abbiamo trionfato, Dio sia lodato, e che noi abbiamo messo un termine alla loro ingerenza.

Se voi volete risolvere i vostri problemi, se volete liberare Gerusalemme, se volete liberare la Palestina, se volete liberare l’Egitto e gli altri paesi musulmani da questi agenti e da questi stranieri, i popoli devono sollevarsi. Sono i popoli che devono farcela. Che essi non restino seduti ad aspettare che gli Stati si occupino di queste cose: costoro agiscono solo per i propri profitti.

I popoli devono sollevarsi e devono comprendere che il segreto della vittoria è di avere come ideale il martirio e di non concedere alcun valore alla vita, a questa vita materiale e animale. E’ questo il segreto che può fare cambiare i popoli. E’ un segreto che il Corano ha apportato e che ha dato ai popoli arabi, allorquando essi si trovarono in uno stato di totale debolezza, il potere sui grandi Stati. Il Corano ha edificato l’uomo, ha edificato un uomo sacralizzato che ha riportato delle vittorie grazie a questa forza divina e che, in meno di un mezzo secolo, ha dominato gli imperi. Bisogna ritrovare questo segreto, bisogna seguire il Corano, bisogna dare vita all’uomo coranico.

I popoli devono essere ad immagine del Corano per poter vincere. Se essi vogliono giungere alla vittoria per mezzo di fazioni politiche, di assemblee generali, di raggruppamenti formali, non vinceranno mai. Bisogna che tutti si riuniscano e divengano un solo uomo sacralizzato, che diventino un uomo che faccia il Jihad per Dio. Se ciò avviene, essi vinceranno.

La mia raccomandazione a tutti i settori della popolazione umana, a tutti i settori della popolazione musulmana e a tutti i settori della popolazione araba è che, se essi vogliono porre fine ai loro problemi, devono ricevere una formazione islamica, bisogna che crescano secondo gli insegnamenti dell’Islam, e che il Corano sia la loro guida e il loro Imam. Se ciò avviene, noi verremo a capo di tutto, e se ciò non avviene e se essi vogliono vincere affidandosi ai loro rapporti abituali, rapporti politici ed altro, gli Stati saranno sempre davanti e essi non vinceranno mai.” (4)

Note:

1- Dichiarazione dell’Imam Khomeyni in occasione della giornata mondiale di al-Quds (6-8-1980) –Sahife-ye nur, v.12 p.276.

2-   Messaggio dell’Imam Khomeyni ai pellegrini della Santa Casa di Dio (29-9-1979) –Sahife-ye nur, v.5 p.226.

3-   Messaggio dell’Imam Khomeyni a sostegno della Palestina (10-11-1972) – Sahife-ye nur, v.1 p.192-194.

4-  Dichiarazione dell’Imam Khomeyni in presenza di gruppi Palestinesi, Libici, Iracheni ed Egiziani (6-4-1979) – Sahife-ye nur, v.5 p.262-263.

di Yahya ‘Alawi

Fonte: http://www.islamshia.org/item/799-giornata-di-al-quds-gerusalemme-e-resistenza.html

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi