AttualitàDiritti UmaniPrimo Piano

Giordania silenzia l’informazione filo-palestinese

La giornalista giordana, Hiba Abu Taha, è stata condannata a un anno di prigione per aver pubblicato un rapporto in cui denunciava il ruolo della Giordania nell’esportazione di merci verso Israele attraverso un corridoio terrestre. Il rapporto, intitolato “Partner nel genocidio…la capitale giordana coinvolta nel genocidio nella Striscia di Gaza” è stato pubblicato su Annasher, un media libanese. Descrive il coinvolgimento di alcune compagnie giordane nella spedizione di merci al regime israeliano attraverso un corridoio terrestre.

A febbraio, il primo ministro giordano, Bisher Khasawneh, ha negato l’esistenza di una via terrestre dalla Giordania ai territori occupati da Israele, descrivendo le notizie che lo sostenevano come “fabbricazioni”.
Ha inoltre affermato che le rotte di trasporto dentro e fuori la Giordania non sono state modificate negli ultimi 25 anni.

Il verdetto arriva dopo che Abu Taha è stata arrestata a maggio dopo una denuncia presentata contro di lei dalla Commissione mediatica giordana per il suo rapporto. Il suo avvocato presenterà ricorso contro la sentenza, hanno riferito i media locali. Abu Taha è accusata di “incitamento al conflitto e diffusione di notizie false” ai sensi della legge nazionale sulla criminalità informatica.

Giordania al servizio di Israele

L’anno scorso, il re di Giordania Abdullah II ha approvato la controversa legge sulla criminalità informatica che è stata denunciata da gruppi per i diritti umani e giornalisti come un attacco alla libertà di parola. Il disegno di legge, che è stato approvato da entrambe le camere del parlamento, arriva mentre le autorità reprimono giornalisti e scrittori per i post sui social media.

Gruppi per i diritti umani hanno denunciato il disegno di legge “draconiano” per l’utilizzo di “terminologia imprecisa, vaga e indefinita” come “notizie false”, “promozione, istigazione, aiuto o incitamento all’immoralità”, “assassinio online della personalità”, “provocazione di conflitti”, “minare l’unità nazionale” e “disprezzo per le religioni”.

Secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti, Abu Taha collabora con diversi media, tra cui Jordan Today, Al Jazeera e il sito web di giornalismo investigativo con sede a Beirut ,Daraj.
Il Centro per la difesa della libertà dei giornalisti, un’organizzazione non governativa giordana, ha denunciato la sentenza e ha chiesto “l’abolizione delle disposizioni restrittive della libertà nei casi di pubblicazione”. 

di Redazione

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi