MultimediaPrimo Piano

Ain al-Hilweh, campo profughi palestinese a Sidone

Libano – La delegazione de “Il Faro sul Mondo” in visita al campo profughi palestinese di Ain al-Hilweh a Sidone. Ammassati in 1,5 chilometri quadrati, i residenti di Ain al-Hilweh vivono in strutture fatiscenti in mezzo a detriti in un labirinto di vicoli male odoranti. Fili elettrici aggrovigliati coprono il cielo, fogne a cielo aperto scorrono lungo i canaloni stretti.

Le leggi del Libano e dei decreti ministeriali hanno stabilito una serie di restrizioni che negano ai profughi palestinesi i diritti civili elementari. Essi sono privati del diritto di svolgere la maggior parte delle professioni, frequentare le scuole pubbliche, avere delle proprietà e muoversi liberamente nel Paese. Ad esempio, i palestinesi non sono autorizzati a lavorare nei campi della medicina, del diritto e dell’istruzione.

Gli uomini sono per lo più disoccupati, depressi e umiliati per non essere in grado di soddisfare le esigenze delle proprie famiglie. I giovani palestinesi in particolare soffrono le leggi sul lavoro e si limitano a praticare i mestieri più umili. I giovani di Ain al-Hilweh spesso finiscono per essere sfruttati dalla criminalità o da piccoli gruppi terroristici finanziati da paesi stranieri (Arabia Saudita, Qatar). Per poche lire vengono assoldati dai gruppi armati come militanti, facchini, spie, vedette e informatori all’interno dei campi.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi