AmericaPrimo Piano

Fame e senzatetto in aumento negli Stati Uniti

di Cristina Amoroso

La disoccupazione e la povertà sono le ragioni principali per cui i senzatetto e la fame continuano a crescere negli Stati Uniti, secondo i risultati della Conferenza dei sindaci sullo Stato annuale della Fame e dei Senzatetto relativa all’anno 2014, pubblicata recentemente.

“Non c’è dubbio che l’economia della nazione è in via di guarigione, ma rimane il dubbio sulla lentezza della ripresa che sta rendendo difficile e, per molti, impossibile, rispondere alle crescenti esigenze degli affamati e dei senzatetto”, ha dichiarato Tom Cochran, direttore esecutivo della Conferenza dei Sindaci nel corso di una conferenza.

Il rapporto, risultato di un’indagine condotta su venticinque città con una popolazione di almeno 30mila abitanti, mostra che il numero di famiglie bisognose di assistenza alimentare d’emergenza è aumentato nel 71 per cento delle città che hanno partecipato allo studio, mentre il 43 per cento di queste città segnala un aumento considerevole dei senzatetto. I senzatetto sono aumentati complessivamente dello 0,7 per cento, e la necessità di assistenza alimentare è aumentata del 7 per cento.

I bassi salari sono stati citati come una delle ragioni principali per l’aumento dell’insicurezza alimentare, mentre i governi della città hanno individuato una carenza di alloggi a prezzi accessibili, come la sfida principale per combattere il problema-senzatetto.

L’indagine inoltre ha rilevato che la maggior parte delle 25 città – 84 per cento – si aspettano richieste di assistenza alimentare in sostanziale aumento nel prossimo anno. Per quanto riguarda i senzatetto, il 39 per cento delle città esaminate si aspetta che il numero di famiglie senza tetto aumenti moderatamente il prossimo anno.

Qualche esempio: i senzatetto a Washington Dc, sono  aumentati del 12,9 per cento nell’ultimo anno. In Memphis, Tennessee, quasi la metà delle domande di assistenza alimentare d’emergenza  è andata insoddisfatta nell’ultimo anno. Il numero di richieste di aiuti alimentari d’urgenza a Filadelfia è aumentato del 20 per cento. E a Plano, Texas, i ricoveri per senzatetto con una capacità limitata sono stati costretti ad allontanare l’84 per cento di coloro che cercavano aiuto.

“Anche quest’anno, nonostante il progresso economico che la nazione nel suo complesso sta facendo, abbiamo anticipato che i problemi legati alla mancanza di lavoro e ad altri effetti persistenti della recessione sono riflessi nelle relazioni provenienti dall’indagine svolta”, ha riferito il sindaco di Santa Barbara, Helene Schneider. “Abbiamo visto alcuni sforzi straordinari delle città, delle agenzie private, fondazioni, enti di beneficenza e volontari per affrontare la fame e i senzatetto. Ma nonostante tutti gli sforzi, i problemi rimangono, così come le nostre preoccupazioni per il futuro”.

Il rapporto arriva mentre lavoratori con salari bassi in tutto il Paese continuano a chiedere un aumento dei salari minimi, marciando attraverso le loro città in scioperi e proteste di fronte a ristoranti, fast food e negozi al dettaglio. Il 38 per cento di coloro che il rapporto cita come bisognosi di assistenza alimentare, sono  impiegati.

Anche se l’indagine non vuole essere un campione rappresentativo delle tendenze in tutto il Paese, le sue conclusioni sono corroborate da altri recenti rapporti. Uno studio pubblicato dal dipartimento dell’Agricoltura (Usda) ha riferito che 50 milioni di americani hanno continuato a lottare con l’insicurezza alimentare, nonostante la cosiddetta ripresa economica, e la Coalizione Nazionale per gli Homeless ha scoperto che i bambini senzatetto rappresentano nel 2014 il numero più alto che in qualsiasi momento storico degli Stati Uniti.

Alcuni sindaci, come Helene Schneider, ha chiesto un maggiore impegno federale e protezione per chi ha bisogno di servizi di emergenza. “Siamo molto preoccupati per ciò che potrebbe accadere ai nostri programmi alimentari e ai ripari d’emergenza il prossimo anno, e negli anni successivi, se la diminuzione dei fondi federali ci renderà difficile affrontare le nostre responsabilità verso il nostro popolo. Ma fino a quando la nostra economia non migliora per tutti gli americani, i programmi di lotta contro la povertà, la fame, e i senzatetto hanno bisogno di essere protetti, non compromessi, non sacrificati dal nostro Congresso”.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi