Evo Morales e il miracolo Bolivia

Evo-Morales
Visualizzazioni : 135

L’Imperialismo ha vinto! Si è dimesso Evo Morales, l’indio uscito dalle piantagioni di coca che aveva costretto il Fondo Monetario Internazionale a promuoverlo a pieni voti. Aveva dimostrato che si possono nazionalizzare le imprese togliendole a speculatori ultra liberisti, redistribuire il reddito ai meno abbienti e far marciare l’economia.

Quando fu eletto Presidente per la prima volta, nel 2006, era considerato un personaggio folcloristico, ma ai santoni dell’economia a senso unico ha risposto con i fatti. In un continente devastato dalla crisi (Argentina e Venezuela sull’orlo del collasso e il gigante Brasile in affanno) la Bolivia chiuse il 2013 con un +6,5% del Pil e una serie costante di miglioramenti. Esportazioni di circa il 30% superiori alle importazioni; un debito pubblico intorno al 35% del Pil, riserve in oro e valute pregiate pari a circa la metà del Pil e bilancio in pareggio. Numeri lunari per l’Eurozona. La disoccupazione, che nel 2012 era al 7,5%, partita da percentuali assai alte è da anni in costante diminuzione.

Il fatto è che le nazionalizzazioni hanno avuto successo pieno e le risorse ricavate dallo Stato sono state redistribuite attraverso numerosi programmi sociali mirati, che hanno ridotto notevolmente le sacche di povertà (che erano enormi) e messo in moto i consumi.

In fondo è stata una ricetta semplice come il buon senso, quello che i soloni liberisti continuano a rifiutare ottusamente; ma si sa, hanno molte, moltissime ragioni per farlo. La rivoluzione portata avanti da Evo Morales rappresentava la fine del loro mondo e del loro potere. Hanno risposto come sempre, con la ferocia dell’Imperialismo.

di Redazione

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi