Decine di palestinesi fatti sparire in Arabia Saudita

arabia-saudita
Visualizzazioni : 6

Decine di palestinesi sono spariti con la forza in Arabia Saudita e i loro destini rimangono sconosciuti, secondo le testimonianze delle loro famiglie rilasciate all’Organizzazione indipendente per i diritti con sede in Svizzera, Euro-Mediterranean for Human Rights Monitor. L’organizzazione non è in grado di fornire il numero esatto di palestinesi che sono scomparsi in Arabia Saudita, ma ha riferito di avere i nomi di circa 60 palestinesi spariti. La comunità palestinese in Arabia Saudita ritiene che il numero reale dei rapiti sia molto più elevato.

L’Euro-Med ha affermato che i palestinesi in questione – tra cui studenti, residenti, uomini d’affari e accademici – sono stati completamente isolati dal mondo esterno senza alcuna accusa nei loro confronti. Non sono stati portati davanti a procedimenti giudiziari pubblici, né autorizzati a comunicare con i loro parenti o avvocati, ha aggiunto. “La campagna del regime saudita per arrestare i palestinesi non è che una di una lunga serie di violazioni dei diritti umani nel Paese”, ha dichiarato Selin Yasar, responsabile della comunicazione e dei media di Euro-Med.

La moglie di un ingegnere palestinese che aveva lavorato per una società saudita, ma è scomparso senza lasciare traccia, ha dichiarato che era completamente al buio riguardo al destino di suo marito. “Il mio più grande dolore non è sapere nulla di mio marito. Non so se sia vivo, morto, sano o torturato, e questo ha reso la sua scomparsa più dolorosa per i miei figli, i suoi genitori e i suoi fratelli”, ha aggiunto.

La sua famiglia e i suoi amici affermano che le autorità saudite non rispondono alle loro richieste sul suo destino. “L’Euro-Med ha considerato le pratiche delle autorità saudite una flagrante violazione dei requisiti di giustizia, che ha garantito a tutti il diritto a un processo equo tra cui la conoscenza di accuse nei loro confronti, il diritto alla difesa e l’accesso a un avvocato”, afferma la nota.

Diritti umani in Arabia Saudita

Il gruppo per i diritti umani ha invitato il re saudita Salman bin Abdul Aziz a ordinare alle autorità esecutive di rivelare immediatamente il destino dei palestinesi che sono scomparsi. Ha inoltre esortato la comunità internazionale e gli alleati del regno arabo in Occidente a fare pressioni su Riyadh per porre fine alla sparizione forzata dei suoi cittadini e stranieri e per porre fine alle flagranti violazioni dei diritti umani in Arabia Saudita. Negli ultimi due anni, le autorità saudite hanno espulso dal regno più di 100 palestinesi, principalmente con l’accusa di sostenere finanziariamente, politicamente o attraverso i social network il movimento di Resistenza Hamas.

Il gruppo per i diritti umani ha anche citato un cittadino algerino che è stato rilasciato di recente da una prigione saudita, dichiarando che gli interrogatori e i carcerieri nella prigione centrale di Dhahban in Arabia Saudita hanno usato vari metodi di tortura contro i detenuti, incluso privarli del sonno o impedire cure mediche. Il cittadino algerino ha anche rivelato all’Euro-Med che il cibo all’interno della prigione “veniva servito in modo umiliante e talvolta veniva offerto in sacchi, e che i carcerieri tenevano i detenuti incatenati mentre si trovavano nelle loro celle”. La prigione centrale di Dhahban si trova in un piccolo villaggio isolato al largo della costa saudita, a 20 chilometri fuori dai confini della città portuale occidentale di Jeddah. Migliaia di prigionieri con presunte accuse di politica, terrorismo e violenza sono tenuti nella prigione.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi