Attualità

Cancro al seno, viola persiana per curarlo

Ricercatori iraniani hanno introdotto l’estratto di viola persiana per il trattamento complementare del carcinoma mammario. Il cancro al seno ha il più alto tasso di mortalità tra tutti gli altri tipi di cancro tra le donne in Iran, come in molte altre parti del mondo.

I medici hanno utilizzato diversi tipi di trattamento come la chemioterapia e la radioterapia per combattere queste cellule cancerose. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, le cellule staminali tumorali non vengono distrutte e la malattia si ripresenta. Il motivo è che le cellule lasciate indietro sono in grado di riprodurre e creare una nuova condizione di cancro, portando alla ricorrenza della malattia.

Ricerche sulle erbe per controllare il cancro al seno

Quindi, i ricercatori dell’Università di Isfahan e dell’Istituto Royan di Isfahan nell’Iran centrale hanno iniziato a condurre ricerche sulle erbe nel tentativo di controllare il cancro al seno.

Nel corso della ricerca, un gruppo di peptidi ciclici a base di erbe ha attirato la loro attenzione. Questi composti sono naturalmente considerati come un elemento di difesa nelle piante. La loro ricerca ha fatto luce sulle proprietà anticancro di questi composti. Hanno concentrato le loro ricerche sulla viola persiana.

“La nostra ricerca sugli estratti di erbe della viola persiana ha dimostrato che erano efficaci nella lotta contro le cellule tumorali nel seno e hanno rallentato o fermato la loro crescita”, ha affermato Kamran Qaedi, responsabile del progetto di ricerca.

“I tessuti tumorali hanno cellule staminali tumorali che vengono lasciate indietro e ricrescono anche dopo l’intervento chirurgico e la rimozione della massa cellulare. Quindi, l’uso di un trattamento complementare può essere efficace”, ha aggiunto.

“L’estratto di viola persiana è quel trattamento molto complementare che può arginare la crescita delle cellule staminali tumorali nel seno. Stiamo cercando di far arrivare presto la medicina sul mercato”, ha dichiarato il ricercatore.

La ricerca è stata parzialmente finanziata dal Fondo di supporto per ricercatori e tecnologi del dipartimento di scienza e tecnologia dell’Ufficio presidenziale.

di Redazione

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi