Afghanistan ancora al centro del “Grande Gioco”

afghanistan
Visualizzazioni : 66

L’Afghanistan rimane ancora al centro del “Grande Gioco”. Uno scontro politico e diplomatico che esisteva per gran parte del diciannovesimo secolo tra l’Impero britannico e l’Impero russo sull’Afghanistan e i territori limitrofi nell’Asia centrale e meridionale. Nel XX secolo, la contesa si trasformò in una rivalità mortale tra Unione Sovietica e Stati Uniti. L’Afghanistan, che era stata una nazione neutrale e relativamente stabile per gran parte del 1900, fu coinvolta nella Guerra Fredda quando nel 1978 ebbe luogo un colpo pro-sovietico con l’istituzione della Repubblica Democratica dell’Afghanistan (Dra).

Le politiche della Dra hanno alienato i tradizionalisti e aperto le porte all’intervento americano in Afghanistan. Gli Stati Uniti hanno opportunisticamente sostenuto la formazione dei mujaheddin nella sua guerra contro il nuovo governo e i loro consiglieri sovietici. Il risultato fu una lunga guerra civile decennale devastante che pose le basi per la disintegrazione dell’Unione Sovietica e la fine della Guerra Fredda, la vittoria dei talebani e la creazione di Al-Qaeda e altri successivi scorpori del terrorismo, tra cui Daesh.

Usa e talebani

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Mark Esper si è recato settimane fa in Afghanistan per determinare i “prossimi passi” di Washington tra i colloqui di pace bloccati con il gruppo militante talebano e l’escalation della violenza nel Paese. Gli Stati Uniti sono intervenuti direttamente in Afghanistan dopo gli attacchi dell’11 settembre, innescando la guerra più lunga della storia degli Stati Uniti, che continua ancora oggi. Gli Usa hanno tentato di “pacificare” il Paese e di installare governi sudditi, il tutto senza risultati. Si stima che la resistenza talebana controlli oggi oltre il 60% del paese.

La disillusione interna degli Stati Uniti con una serie di “guerre senza fine” in Medio Oriente e Asia meridionale, ha portato a richieste di ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan. Sembra che tutti i politici statunitensi chiedano ora una sorta di disimpegno dall’Afghanistan e da altri Paesi in cui gli Stati Uniti hanno schierato truppe nella sua “guerra contro il terrorismo”. Quella guerra ha ora preso il posto di una nuova guerra fredda diretta contro la Russia e la Cina. Ora i contendenti sono gli Stati Uniti e i suoi alleati da una parte e la Russia e la Cina dall’altra, con un certo numero di attori regionali a margine.

Afghanistan tra Usa e talebani

Più recentemente una coalizione trilaterale formata da Russia, India e Cina è entrata nella mischia e ha iniziato a negoziare con i talebani per porre fine al conflitto in Afghanistan. Le recenti vittorie dei talebani contro l’esercito afgano e la minaccia di guadagni da parte della Russia e della Cina nella regione hanno spinto gli Stati Uniti a negoziare con i talebani e infine a raggiungere un accordo di pace che avrebbe soddisfatto molte delle loro richieste, compreso il ritiro di tutte le forze statunitensi.

Il “Grande Gioco” è quindi entrato in una nuova fase di intenso scontro diplomatico tra l’Occidente in declino e un Oriente in ascesa. Aggiungendo a ciò l’intensificarsi della rivalità tra India e Pakistan sul vicino Kashmir e le alleanze di lunga data tra Cina e Pakistan, Russia e India, si può evidenziare come la situazione nell’Asia meridionale è piena di pericoli e opportunità.

L’America, in quanto erede del progetto imperialista britannico, è ancora intenta a mantenere la propria egemonia in tutte le regioni del mondo. Ma mentre i rapporti di potere globali cambiano, deve trovare nuove tattiche e strategie per farlo. Ciò ha portato a un periodo di instabilità e caos nella politica estera degli Stati Uniti mentre cerca di venire a patti con una nuova realtà, il suo declino generale e la continua crescita della Cina come potenza globale. Nonostante tutta la retorica di “libertà e democrazia” gli Stati Uniti lasciano dietro di sé solo morte e distruzione. Gli Stati Uniti, tuttavia, data la natura del loro sistema imperialista, non possono districarsi dai pantani in cui si trovano invischiati. Solo quando gli Stati Uniti e la Nato saranno emarginati, il mondo avrà l’opportunità di creare un futuro migliore per tutta l’umanità.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi