Medio Oriente

Yemen, una generazione cancellata dalle bombe

In Yemen, dopo cinque anni di guerra poco è cambiato per gli studenti a parte il fatto che le armi della Coalizione saudita sono diventate più devastanti, lasciando il futuro di più di un milione di scolari nel limbo. “Voglio andare a scuola, non posso più aspettare”, ha implorato Ayman al-Kindi di sei anni a MintPress. Purtroppo Ayman non è mai riuscito ad andare a scuola. Il piccolo voleva diventare un dottore ma una bomba lo ha portato via da scuola. Ciò che queste bombe americane fanno ai bambini yemeniti è terrificante.

Alla fine di giugno 2019, gli aerei della coalizione hanno preso di mira la casa della famiglia di Ayman situata nella loro fattoria nella zona di Warzan, a sud della provincia di Taiz, nel sud-ovest dello Yemen. Sei membri della famiglia di Ayman sono stati uccisi, tra cui tre bambini di età compresa tra dodici, nove e sei anni. Secondo Amnesty International, l’arma di precisione a guida laser utilizzata nell’attacco è stata fabbricata da Raytheon. Gli esperti di armi di Amnesty hanno analizzato le foto dei resti dell’arma recuperati dalla scena dell’attacco da parte dei membri della famiglia e l’hanno identificato come una Gbu-12 Paveway II da 500 libbre fabbricata negli Stati Uniti.

Armi Usa e massacri

La maggior parte delle armi possedute dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti, che tra loro hanno effettuato un quarto di milione di raid sullo Yemen dall’inizio della guerra, sono di fabbricazione americana. Le famiglie che hanno perso i propri cari negli attacchi aerei della Coalizione hanno organizzato una mostra chiamata “Criminal Evidence” nella città di Sana’a. L’evento è stato un’opportunità per consolidare le prove di potenziali crimini di guerra e ha spinto migliaia di civili yemeniti a partecipare all’evento. All’interno della mostra erano esposti resti di armi di fabbricazione statunitense recuperati dalle macerie.

Charles Garraway, ex avvocato militare, ha recentemente dichiarato a Pbs: “Abbiamo una guerra in corso. Sta causando un’immensa sofferenza e francamente gran parte di questa sofferenza è causata dalle armi americane. La tragedia nello Yemen è terribile e si deve fermare al più presto questa guerra”.

Nonostante l’abbondanza di prove che provino che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno preso di mira regolarmente scuole e altre strutture civili, gli Stati Uniti continuano a riempire l’arsenale della Coalizione. Lo scorso anno, l’amministrazione Trump ha cercato di forzare un accordo sulle armi da 8,1 miliardi di dollari con l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e la Giordania. Nonostante la crescente opposizione all’interno del proprio governo, il presidente Donald Trump sembra determinato a mantenere il flusso di armi statunitensi verso l’Arabia Saudita e i suoi alleati.

Essere studenti in Yemen

L’undicenne Mohammed Abdul Raham al-Haddi è uno dei pochi scolari sopravvissuti all’orribile attacco aereo saudita dello scorso 9 agosto 2018, contro uno scuolabus alla periferia di Dahyan, nella provincia nord-occidentale di Saada. L’attacco ha ucciso oltre 35 dei suoi compagni di classe, ma Mohammed è sopravvissuto miracolosamente. Mesi fa ha fatto ritorno a scuola per la prima volta dall’attacco missilistico, ma in una scuola semidistrutta e senza i suoi compagni di classe. Al-Faleh, la nuova scuola di Mohammed, giace in una valle polverosa vicino al confine nord-orientale dello Yemen con l’Arabia Saudita.

Mentre la guerra nello Yemen entra nel suo quinto anno, le tragiche conseguenze di questi accordi sulle armi sono difficili da descrivere, ma i loro effetti si notano ovunque. Circa 3.526 edifici scolastici sono stati parzialmente distrutti dalle bombe dall’inizio della guerra, e la maggior parte deve ancora essere ricostruita. Di questi, 402 sono stati completamente distrutti, secondo una nuova indagine sul campo condotta dal Ministero della Pubblica Istruzione. Circa 900 scuole dello Yemen vengono ancora utilizzate come rifugi per gli sfollati interni. Altre 700 scuole sono state chiuse a causa di scontri in corso.

In Yemen due milioni di bambini non vanno a scuola

Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef) stima che due milioni di bambini non vanno a scuola nello Yemen. “Un quarto dei due milioni di bambini yemeniti non va a scuola dall’inizio della guerra saudita nel marzo 2015”, ha dichiarato lo scorso mese alla stampa yemenita il rappresentante dell’Unicef nello Yemen, Sara Beysolow Nyanti. La Beysolow ha sollevato preoccupazioni circa il futuro dei bambini yemeniti: “Essi affrontano un aumento dei rischi di tutte le forme di sfruttamento, incluso essere costretti a unirsi ai combattimenti, al lavoro minorile e al matrimonio precoce. Perdono l’opportunità di svilupparsi e crescere in un ambiente premuroso e stimolante, alla fine restando intrappolati in una vita di povertà e difficoltà”.

Secondo l’organizzazione di monitoraggio dei diritti umani con sede a Ginevra, Sam, quattrocentomila scolari nello Yemen soffrono di malnutrizione acuta, esponendoli al rischio di morte improvvisa. Sette milioni di scolari affrontano la fame e oltre due milioni non vanno a scuola.

Yemen, il Paese più povero del mondo arabo

Anche prima dell’inizio della guerra, il sistema educativo nello Yemen, il Paese più povero del mondo arabo, non godeva di buona salute. La mancanza di attrezzature, insegnanti non qualificati e una carenza di libri di testo hanno afflitto le scuole del Paese, che stavano esplodendo a causa del sovraffollamento. Le bombe della coalizione e un blocco sostenuto dagli Stati Uniti hanno effettivamente distrutto ciò che era rimasto, proprio mentre le scuole stavano cominciando a mostrare segni di ripresa.

Molti degli insegnanti dello Yemen non ricevono uno stipendio da anni e alcuni hanno cercato lavoro come soldati sui campi di battaglia dello Yemen, lasciando milioni di bambini senza prospettive di istruzione e il Paese nel suo insieme con un Tasso di analfabetismo del 70%. Beysolow ha avvertito che l’istruzione di altri 3,7 milioni di bambini yemeniti è a rischio, poiché gli insegnanti non ricevono i loro stipendi da oltre due anni. Un quinto delle scuole nello Yemen non può più essere utilizzato per causa diretta del conflitto. “La violenza, lo sfollamento e gli attacchi alle scuole stanno impedendo a molti bambini di accedere alla scuola”, ha affermato la funzionaria Onu.

Nel tentativo di impedire agli insegnanti di lasciare la scuola, il Ministero della Pubblica Istruzione, con sede a Sana’a, ha imposto una tassa agli studenti di due dollari al mese per pagare gli stipendi degli insegnanti, ma questa tariffa apparentemente nominale ha aggiunto un enorme onere per le famiglie con più di un bambino, molti dei quali vivono in estrema povertà a causa della guerra e dell’assedio. A peggiorare le cose, il divieto imposto dal regime saudita a 11 petroliere di entrare in Yemen. La mossa ha provocato una grave carenza di carburante, con conseguente blocco di tutti i mezzi compresi gli scuolabus.

Il grave pedaggio psicologico

L’effetto delle armi prodotte dagli Stati Uniti sui bambini dello Yemen non finisce qui. I bambini che sono sopravvissuti ai bombardamenti sono spesso lasciati con disabilità fisiche e sintomi psicologici gravi e cronici, trasformando il loro ambiente nel posto peggiore del mondo, riferisce l’Unicef. Oltre alle vittime dirette degli attacchi aerei, i suoni in gran parte inosservati e non registrati dal mondo delle esplosioni e dei rumorosi aerei da guerra stanno lasciando ai bambini dello Yemen un danno psicologico irreversibile.

Dall’inizio dell’anno scolastico, il 15 settembre scorso, la coalizione guidata dai sauditi ha sganciato più di 1500 bombe e missili in 500 attacchi aerei contro i distretti di frontiera tra cui Sadaa, Hajjah, Sana’a, Amran, Dhali e Hodeida. Gli attacchi missilistici sono accompagnati da un terrificante rumore sibilante che lasciano il panico nel cuore dei civili, in particolare nei bambini.

Prima gli aerei portavano felicità, ora solo terrore

“Prima della guerra, il suono degli aerei significava felicità per le famiglie che aspettavano che i loro cari tornassero dall’estero, ma ora il suono degli aerei significa distruzione, morte e terrore”, afferma il Dr. AbdulSalam Ashish, un consulente psicologico e neurologico, all’agenzia MintPress. Il dott. Ashish ha aggiunto: “Ora, gli aerei non portano altro che paura e panico e ricordano tragedie e crimini commessi con armi statunitensi, britanniche e francesi”.

“Erano le 13:45, quando sentimmo un attacco missilistico; siamo stati in grado di calmare gli studenti, ma quando è arrivato il terzo attacco abbiamo perso il controllo degli studenti che hanno iniziato a urlare e il caos si è diffuso in tutta la scuola”, afferma Hana Al Awlaqi, agente scolastico della scuola “Martire Ahmed Abdul Wahab Al Samawi”.

Carenza sanitaria

Jalal Al-Omeisi, un’infermiera pediatrica presso l’Ospedale psichiatrico e neurologico di Sana’a ha dichiarato a MintPress che la maggior parte dei casi che arrivano all’ospedale provengono da aree soggette a raid intensivi della coalizione saudita, come Sana’a, Hodeida e Saada, nonché le aree di confine. Al-Omeisi ha continuato dichiarando che la maggior parte dei medici non ha la formazione necessaria per affrontare i complessi problemi psicologici che questi bambini stanno sviluppando.

Tali esperienze nei bambini vanno ben oltre l’impatto temporaneo sulla loro istruzione e, senza le cure adeguate e le conoscenze necessarie per affrontare questi problemi psicologici, molti subiranno conseguenze per tutta la vita e ostacolano la loro capacità di ottenere un’istruzione. Ciò è particolarmente vero alla luce della mancanza di programmi, centri o ospedali per la riabilitazione dei bambini colpiti dalla guerra nello Yemen.

L’atroce destino dei bambini yemeniti

Gli scolari che vivono lungo il confine poroso dello Yemen con l’Arabia Saudita e in tutti i suoi distretti meridionali affrontano una realtà ancora più cupa di quella affrontata dai loro coetanei. Molti sono reclutati o addirittura costretti a unirsi alla lotta per difendere il confine saudita attraverso reti di traffico locali, che incanalano i bambini nei campi di addestramento e reclutamento nelle province saudite meridionali di Jizan e Najran, nonché nei distretti meridionali dello Yemen.

Secondo un recente rapporto di Sam, negli ultimi quattro anni l’Arabia Saudita ha arruolato migliaia di bambini yemeniti per combattere lungo il confine meridionale con lo Yemen. Coloro che sono morti a causa dei combattimenti alla frontiera sono spesso sepolti nel Regno all’insaputa delle loro famiglie. Almeno 300 hanno hanno subito l’amputazione degli arti a causa delle ferite riportate.

Bambini yemeniti arruolati dal regime saudita

Adel, che ha lasciato la scuola per la promessa di uno stipendio, ha dichiarato: “Io e gli altri siamo stati reclutati per lavare i panni dei soldati sauditi, ma ci hanno dato i fucili e ci hanno costretto ad andare sui campi di battaglia”. Alla domanda su cosa avrebbe fatto quando sarebbe stato liberato, Adel ha semplicemente dichiarato: “Voglio tornare da mia madre e a scuola. Non voglio combattere”.

Il reclutamento di bambini yemeniti da parte dell’Arabia Saudita non è senza precedenti. Sebbene il Regno abbia firmato il protocollo internazionale che vieta il coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati nel 2007 e nel 2011, è stato accusato di reclutare bambini sudanesi dal Darfur per combattere nello Yemen.

Mohammed, che visita spesso il monumento ai suoi compagni di classe morti nel bombardamento situato a poche centinaia di metri dalla sua nuova scuola, afferma che continuerà a frequentare la scuola ogni giorno, indipendentemente da quanti bombardamenti ci siano. Di fronte a questo inferno resta l’immobilismo di un Occidente complice e vigliacco.

di Yahya Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi