Turchia, arrestato rappresentante Amnesty International

Visualizzazioni : 58

Turchia – Le autorità turche hanno arrestato il capo di Amnesty International nel Paese nell’ambito di una brutale campagna di repressione contro ogni dissenso e opposizione al regime, a seguito del fallito tentativo di golpe dello scorso anno.

Secondo il gruppo per i diritti umani, Taner Kilich è stato arrestato insieme ad altri 22 avvocati nella città di Izmir per presunti legami con l’oppositore religioso statunitense Fethullah Gülen. Amnesty International ha dichiarato che gli arresti dimostrano l’arbitraria repressione da parte di Ankara.

Amnesty ha inoltre invitato le autorità turche a rilasciare immediatamente i detenuti e far cadere tutte le accuse contro di loro. Oltre 100mila persone sono state licenziate o sospese per presunti legami con Gulen, che la Turchia considera responsabile per il tentato colpo di Stato dello scorso anno. Il religioso in esilio negli Usa ha sempre negato tutte le accuse.

di Redazione

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi