Attualità

Traffico di organi e bambini scomparsi, drammi silenziati

Pochi ne parlano, tranne quando un caso diventa clamoroso. Questo perché, da sempre, riportare notizie sulle sparizione di bambini getta nello sconforto e nella rabbia la popolazione, che a sua volta perde fiducia nelle istituzioni. Noi riteniamo che sia giusto informare sulla questione dei bambini scomparsi e del traffico di organi, vere emergenze non solo in Italia, dove ogni due giorni si perdono le tracce di un minorenne e quattro su cinque non vengono più ritrovati. Della maggior parte di loro non si sa più nulla. In Italia, nel 2017, solo il 16,9 per cento dei casi gestiti da Telefono Azzurro Onlus si è risolto positivamente. 

Bambini invisibili e bambini irreperibili

Un esercito di “invisibili” che non tiene conto degli “irreperibili”. Secondo il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, “per irreperibili” si intendono i minori stranieri non accompagnati per i quali è stato segnalato dalle autorità competenti al Ministero un allontanamento. L’allontanamento viene censito nel Sim (Sistema Informativo Minori) fino al compimento della maggiore età o ad un nuovo eventuale rintraccio del minore. Ebbene, se si tenesse conto anche degli “irreperibili”, il numero di minori scomparsi aumenterebbe in modo vertiginoso. Secondo l’ultima relazione, la XVIII, del Commissario straordinario del governo per le persone scomparse, i minori italiani scomparsi sono 2.306, con un aumento del 6,41 per cento rispetto al dato precedente. Ma, come ammette lo stesso Commissario questo numero non tiene conto dei minori stranieri non accompagnati che spariscono dai centri di accoglienza cui sono affidati e diventano “irreperibili”.

A marzo 2018, erano ben 4.254 a mancare all’appello. Complessivamente i minori stranieri scomparsi e di cui non si hanno più notizie dal 1974 al 31 dicembre 2017 sono 38.049. Come se non bastasse, si tratta di un fenomeno che mostra un trend di crescita impressionante: solo nell’ultimo semestre sono aumentati del 12,56 per cento (al 30 giugno 2017 erano 33.802). 

Traffico di organi e mercato dei bambini in Europa 

Il problema non riguarda solo l’Italia ma anche l’Europa. Secondo i dati forniti da Europol, nell’Ue spariscono 10mila minori non accompagnati ogni anno. E solo pochi di loro vengono ritrovati. Ben diversi i numeri diffusi da Missing Children Europe, il network che riunisce 31 organizzazioni non governative in 27 Paesi Europei, che parla di cifre molto più alte: più 189mila bambini scomparsi in Europa nel 2017, uno ogni due minuti. La situazione peggiore si registra in Romania, da cui arriva 1 denuncia su 5 e, più in generale, nell’Europa dell’Est, che raccoglie quasi il 50 per cento dei casi trattati. Che fine fanno i minori scomparsi? Circa 1 su 4 viene coinvolto in situazioni di abuso, sfruttamento o abbandono. Un destino analogo a quello destinato a molti dei minori stranieri non accompagnati di cui si perdono le tracce in Italia. Sfruttamento minorile, prostituzione e criminalità organizzata sono parole ricorrenti.

Bambini a perdere 

Sparizioni, violenze e mercato dei corpi, indagine conoscitiva del giornalista Gianni Lannes esperto in traffico di esseri umani, armi e rifiuti pericolosi.

L’infanzia è invisibile all’umanità, una realtà senza diritti nonostante leggi e convenzioni internazionali. Un inferno sulla terra: ogni anno circa 15 milioni di bimbi muoiono prima di festeggiare il loro quinto compleanno, attesta l’Onu. Quando ad annientare bambini e adolescenti non sono la sete, la fame, le malattie, il lavoro sporco è imbastito dalle guerre infinite. Capitolo a parte è la sparizione di otto milioni di minori ogni 365 giorni, Europa inclusa. Un perverso sistema che alimenta il cancro della pedofilia e il traffico di organi umani. Da considerare in Italia il sequestro di Stato di tanti minori mai resi adottabili, per garantire con sperpero di denaro pubblico, un affare miliardario, nonostante le denunce di genitori, avvocati e associazioni. Il governo non risponde agli atti parlamentari, inclusa la dilagante pedofilia che non risparmia i neonati. Dei pargoli non si butta via niente, come attesta il fiorente mercato degli organi. 

Trapianti di organi in cifre

Circa 80mila reni, 25mila fegati, seimila cuori, quattromila polmoni, tremila intestini. Sono i numeri dei principali trapianti di organi che si svolgono nel mondo ogni anno. Secondo l’Oms il 10% di questi organi sono di provenienza illegale. I casi accertati di espianto violento, senza consenso del donatore, negli ultimi dieci anni sono almeno 700. Il conteggio ufficiale è della Unodc, l’Agenzia Onu specializzata nell’analisi dei flussi criminali di droga, armi e persone, quasi sempre gestite dalle stesse mafie. L’Asia resta il mercato più attivo, ma ci sono bande di trafficanti di organi, specializzate, anche in Europa dell’Est.

Attivo anche il bacino del Mediterraneo, l’Egitto in particolare. C’è anche un “buco nero” che si chiama Libia, dove si ripetono le segnalazioni, ma dove è difficile raccogliere prove concrete. Migranti che arrivano in Italia con vistose ed evidenti cicatrici sui fianchi, perché per pagare il viaggio hanno accettato di farsi prelevare un rene. Valore commerciale 5mila dollari. Queste non sono leggende metropolitane, se il Global Integrity Finance sostiene che i numeri di questo macabro commercio sono in vertiginoso aumento.

Il Bel Paese ridotto a mercato del traffico di organi 

Quanto all’Italia, il Consiglio d’Europa il 22 settembre 2014 ha pubblicato un significativo rapporto redatto da esperti in cui si riporta testualmente: “Quello del traffico di organi, specie di minori è un problema scottante” a cui fanno seguito voci autorevoli, come quella di Pietro Grasso e i ministri Guidi e Maroni. Anche se alcuni baroni del bisturi a pagamento seguitano a negare sfacciatamente l’evidenza anche dopo il documenti ufficiali inequivocabili dell’Osce, “Trafficking in humana being for the Purpose of Organ Removal in the Osce Region” è stato evidente a tutti l’agghiacciante retroscena emerso dall’Operazione “Glauco 3”: l’uccisione di migranti e la vendita dei loro organi. 

In Italia una serie di mistificazioni – mancate risposte alle interrogazioni parlamentari e interpellanze cadute nel vuoto di notizie fulmineamente dimenticate – da quel lontano 1993 quando un eurodeputato, Leon Schwart-zenberg, noto cancerologo presentò al Parlamento Europeo un’importante mozione sull’interdizione del commercio degli organi, accusando la camorra napoletana di controllare un traffico di bambini in America Latina, al solo fine di prelevare loro gli organi per poi rivenderli. 

“Nel vostro Paese c’è un centro di smistamento europeo di traffico di organi per trapianti. Dal 1988 al 1992 un vostro trafficante di bambini ha fatto arrivare dal Brasile quattromila piccoli che dovevano essere adottati. Tremila sono scomparsi nel nulla”. Alle finte adozioni, al rapimento di bambini italiani provenienti da famiglie non abbienti, oggi i bambini approdano a migliaia dall’Africa e dal Medioriente. Dati ufficiali alla mano, soltanto in Italia nel 2015 sono scomparsi oltre 12mila minori, settemila in Grecia, e seimila in Germania.

di Cristina Amoroso

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi