Siria. E’ sempre più stretto il cappio intorno al collo dei “ribelli”

Visualizzazioni : 22

di Pietro Spitaleri

L’esercito siriano continua a stringere sempre più forte il cappio intono al collo dei “ribelli”. Nelle operazioni di bonifica ad Adra nella periferia di Damasco, sono rimasti uccisi decine di miliziani e confiscato un grande deposito di armi nei covi dei terroristi.

Nella città di al-Nabek nella provincia di Damasco, le forze militari siriane hanno distrutto diversi veicoli carichi di armi e munizioni. Altre decine di terroristi sono stati uccisi dall’esercito ad al-Zarzor, al-Nakarin, Rasm Bakro, Deir Hafer, Manbej, Tal Ref’at, Andan, Haritan, Mayer e Tallet al-Ghali nella provincia di Aleppo.

In altre operazioni simili effettuate in questi giorni dall’esercito siriano nelle periferie di Idlib, Daraa, Homs e Hasakah sono rimasti uccisi decine di miliziani “ribelli”.

Le schiaccianti vittorie militari conseguite negli ultimi mesi dai militari siriani contro le bande di terroristi sostenute e finanziate da Israele, Usa e dai loro alleati regionali, fanno volgere il conflitto verso una definitiva e vittoriosa conclusione.

 

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi