Severe Revenge dell’Iran, analisi e primi risultati sul campo

Severe-Revenge-Iran
Visualizzazioni : 106

La Repubblica islamica dell’Iran ha risposto senza mostrare alcuna preoccupazione per tutte le minacce lanciate dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a seguito dell’assassinio dei leader Qassem Soleimani e Abu-Mahdi Al-Muhandis e dei loro compagni. La rappresaglia iraniana non ha richiesto molto tempo: ben studiata, diretta, pesante, focalizzata e ha messo in atto la “Severe Revenge” senza fare riferimento agli alleati dell’Iran. L’attacco iraniano è arrivato dopo molti avvertimenti. Non era maligno come l’assassinio da parte degli Stati Uniti di Soleimani e dei suoi amici. Inoltre, l’attacco iraniano ha preso di mira direttamente l’esercito americano, che è un obiettivo militare legittimo, a differenza dell’attacco a Soleimani che non è stato un attacco sul campo di battaglia. Ciò stesso riflette la moralità nella risposta, ma non significa che i futuri attacchi saranno fedeli a questo principio. Questo dipende dalla natura degli sviluppi.

Severe Revenge, primi risultati dell’attacco missilistico iraniano

Ecco alcune note e conclusioni dell’attacco missilistico iraniano contro le basi statunitensi in Iraq:

– Incapacità del sistema di difesa degli Stati Uniti di intercettare missili iraniani, sapendo che gli americani hanno dichiarato di aver respinto il lancio di missili dall’Iran.

– Precisione nel mirare all’obiettivo, che è stato rivelato nelle immagini.

– L’attacco veloce, poiché ha avuto luogo immediatamente dopo il funerale dei martiri.

– Non si dovrebbe stare molto sul fatto che gli Stati Uniti non abbiano riconosciuto alcuna vittima fino ad ora, poiché qualsiasi riconoscimento farebbe pressioni sull’amministrazione Trump che preferisce rassicurare gli americani sul fatto che “tutto sta andando bene”. Tuttavia, Trump ha annullato una dichiarazione che stava pianificando di dare ieri, il che è un segno che sta evitando il confronto.

– Ormai è ovvio che Trump, che aveva minacciato di vendicarsi di qualsiasi risposta iraniana usando le “bellissime” armi americane più avanzate, preferisce mantenere la calma per la sicurezza delle altre basi statunitensi nella regione e di Israele, il secondo nella lista tra gli obiettivi indicati dall’Iran.

– Gli Stati Uniti dovranno riconsiderare le posizioni delle sue basi nella regione, in particolare in Iraq, dopo che sono state esposte ai missili iraniani.

– Questa risposta dovrebbe avere ripercussioni positive sulla posizione dell’Iran nella regione e sulla questione nucleare. I negoziati intorno al suo potere balistico non sono più sul tavolo dopo che è stato rivelato, ancora una volta, che è uno dei suoi elementi di deterrenza per difendere la sua terra e i suoi benefici.

– La posizione degli alleati dell’Iran dell’Asse della Resistenza dovrebbe essere più forte dopo la rappresaglia missilistica, specialmente di fronte a Israele.

– Il regime sionista trema, poiché sperava di spingere gli Stati Uniti verso uno scontro militare con l’Iran. Ciò aumenterà le tensioni all’interno dell’entità occupante.

di Yahya Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi