Sabra e Chatila, un genocidio senza giustizia

sabra e chatila
Visualizzazioni : 30

Sono trascorsi trentasei anni da quel maledetto settembre del 1982, quando vennero massacrati migliaia di palestinesi dei campi profughi di Sabra e Chatila a Beirut. Il tutto ha avuto inizio il 14 settembre del 1982, Bachir Gemayel, presidente del Libano, muore in seguito a un attentato.

sabra e chatilaI generali Eytan e Sharon, alti responsabili militari israeliani, decidono di far entrare l’esercito israeliano a Beirut ovest e di inviare i falangisti nei campi dei rifugiati palestinesi. Il giorno seguente, i carri armati israeliani accerchiano i campi di Sabra e Chatila e pattugliano il perimetro di casa in casa.

Combattimenti scoppiano nel settore nord in cui militanti di sinistra e guerriglieri palestinesi resistono agli israeliani. Il 16 settembre i campi sono bloccati e i civili che sono riusciti a evitare la sorveglianza rientrano nelle loro case. Nel corso della giornata, le forze cristiane, formate da militanti di Haddad, venuti dal sud e dai falangisti venuti da Beirut est, passano le linee israeliane e si raggruppano a sud dell’aeroporto.

A partire dall’aeroporto, luogo di concentramento, si dirigono verso nord per stabilire il loro comando presso un posto di osservazione israeliano che domina i campi. Razzi illuminanti israeliani rischiarano il luogo, seicento miliziani cristiani invadono i campi. Colpi di cannone ed esplosioni si sentono per tutta la notte, i miliziani iniziano la mattanza, entrano ed escono dai campi, gli israeliani fanno da ispettori, discutono con i cristiani ma senza interferire.

Mentre si continuano a massacrare civili inermi, in maggioranza donne e bambini, i bulldozer scavano fosse comuni ed evacuano i cadaveri dai campi. Lo stesso giorno i miliziani cristiani invadono l’ospedale Akka uccidendo medici e infermieri. Il 18 settembre i miliziani sotto la minaccia delle armi, sgombrano il personale medico, i pazienti e i rifugiati dell’ospedale Gaza.

Quanti saranno realmente i morti tra i palestinesi? Gli abitanti dei campi sono certi, i morti sono almeno cinquemila, settemila contando i dispersi. Basta trovarsi oggi tra gli stretti e fatiscenti vicoli di Sabra e Chatila per riuscire a cogliere e percepire quel senso di ingiustizia, di rabbia, di dolore e di vendetta che nemmeno il tempo è riuscito a cancellare. Tra gli abitanti di quei campi sono ormai pochi i superstiti di quell’eccidio; convivono con il peso di quella immane tragedia e con la consapevolezza che alcuni dei mandanti di quella orribile strage siedono ancora impuniti tra i banchi del Parlamento libanese.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi