La parzialità di Hamas è irta di conseguenze

hamas-Iran
Visualizzazioni : 75

Il movimento di Resistenza palestinese Hamas ha nuovamente condannato l’Arabia Saudita in relazione alla detenzione e all’abuso di palestinesi affiliati al movimento. Tuttavia, solo condanna e niente di più. Hamas sta cercando di evitare conflitti, affermano i funzionari del partito ed è consacrato nella Carta del movimento. Come più volte sottolineato, nel bel mezzo dell’aggressione contro la Siria, buona parte della leadership di Hamas non ha sostenuto il governo di Assad. Il movimento ha ignorato gli sforzi diplomatici e i consigli della Repubblica Islamica dell’Iran, precipitandosi con gioia tra le braccia del Qatar e della Turchia. A ciò hanno fatto seguito una serie di dichiarazioni anti-Assad, incontri con i rappresentanti dell’autoproclamata “opposizione siriana” e così via. Successivamente la situazione è cambiata di 180 gradi. Ora Hamas sta cercando in fretta di riconciliarsi con tutti i membri dell’Asse della Resistenza.

Relazioni con il Golfo

Le relazioni con i Paesi del Golfo non sono mai state ideali per Hamas. Il motivo è l’inclinazione pro-sionista delle monarchie. Pertanto, era ingenuo aspettarsi dai despoti della penisola arabica, un atteggiamento decente verso se stessi. Hamas ha semplicemente calcolato male. Ha calcolato male in due direzioni: la prima per creare un equilibrio (per cercare di giocare su due lati, tra Teheran e Riyadh), e il secondo ha ingenuamente creduto che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sarebbero stati interessati alla cooperazione con l’organizzazione della Resistenza palestinese, almeno in termini di diplomazia o azioni umanitarie. La realtà è diversa. Le monarchie non si preoccupano della Palestina e non nascondono nemmeno la loro connessione con il sionismo

I sauditi e gli Emirati Arabi Uniti non sono solo riluttanti a cooperare con Hamas, ma stanno perseguendo una politica apertamente anti-palestinese colpendo direttamente Hamas. Nel 2010, gli Emirati Arabi Uniti hanno assistito il Mossad nell’assassinio di Mahmoud Al-Mabhouh e nel 2019, partecipando all’occupazione dello Yemen, gli Emirati hanno commesso l’omicidio di un rappresentante di Hamas nello Yemen. Da parte loro, i sauditi hanno organizzato un’intera campagna di arresti anti-Hamas e anti-palestinese. Nelle carceri saudite, i palestinesi sono vittime di abusi e interrogati da rappresentanti del regime sionista. Questi fatti mostrano quanto siano diventati vicini Riyadh e la colonia sionista.Questo tandem non nasconde più nulla e combatte apertamente la Resistenza Islamica della Palestina e dei suoi alleati nella regione.

Hamas, in Siria schierato in Arabia Saudita no

È strano che Hamas in relazione alle politiche sioniste dei regimi del Golfo si sia limitato alla condanna verbale. Molto strano. Per qualche ragione, non ci sono passi politici precisi, come in Siria. Sebbene il governo siriano Damasco non abbia mai praticato azioni o retoriche anti-palestinesi, il governo di Assad è stato completamente immerso nei conflitti interni. Tuttavia, Hamas non ha tenuto in considerazione questo aspetto. La maggior parte della leadership dell’organizzazione palestinese che ha spiegato la loro partenza dalla Siria, ha motivato le loro azioni come “protezione del popolo siriano”, schierandosi con i “ribelli”. 

La domanda sorge spontanea? Perché nel conflitto interno siriano Hamas ha preso una posizione politica e militare, sebbene nessuno abbia coinvolto i palestinesi nel conflitto, e in Arabia Saudita, Hamas si è limitato alla “condanna verbale”, sebbene in questa monarchia vi sia una campagna mirata contro i palestinesi? Per quanto riguarda i sauditi e gli Emirati Arabi Uniti, non vi sono neppure sufficienti dichiarazioni “aspre” che Abu Marzouk, ad esempio, gli abbia permesso in relazione all’Iran e ad Assad, fino a poco tempo fa. Solo osservazioni che condannano la politica di persecuzione dei palestinesi nei regimi del Golfo.

Hamas dovrà scegliere

Quindi, Hamas è ben consapevole degli eventi in Arabia Saudita, ma ignora semplicemente tutte le opzioni per affrontare il potere filo-sionista dei sauditi. Hamas non esprime sostegno per i dissidenti sauditi, le forze di opposizione all’interno della dittatura e non è interessato a unirsi all’Alleanza dei principali nemici del potere sionista dei sauditi e degli Emirati Arabi Uniti. Mentre altre forze islamiche palestinesi saranno in prima linea nella Resistenza, Hamas rimarrà un “sostenitore permanente della tregua con i sionisti” a Gaza. Siamo sicuri che questo giorno arriverà presto.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi