Nucleare iraniano: continuano i colloqui a Vienna

Visualizzazioni : 12

di Giovanni Sorbello

Non si ferma l’attività diplomatica tra l’Iran e le sei potenze mondiali per giungere ad un definitivo accordo sul tanto discusso nucleare iraniano. Oggi ha avuto inizio il secondo giorno dell’ultimo round di colloqui per risolvere la disputa sul programma nucleare di Teheran.

I colloqui si sono aperti ieri con un incontro tra il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif e la responsabile della politica estera della Ue, Catherine Ashton, presso la sede delle Nazioni Unite a Vienna.

Oggi il programma delle discussioni verte sul reattore ad acqua pesante di Arak. Il negoziatore iraniano Abbas Araqchi ha riferito ieri dopo il primo giorno di colloqui, che la chiusura del reattore ad acqua pesante di Arak non sarà all’ordine del giorno.

“Quello che abbiamo concordato nel piano d’azione comune, è di risolvere i problemi collegati a questo reattore ad acqua pesante. Quindi, ci accingiamo a discutere e negoziare per giungere ad un accordo e per rispondere a queste preoccupazioni. Quindi, l’arresto totale di Arak è fuori questione”, ha dichiarato Araqchi durante un’intervista esclusiva a Press Tv.

Il reattore di Arak, visitato dagli ispettori dell’Aiea lo scorso dicembre, utilizza uranio naturale per produrre medicine radiofonici per i malati di cancro.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi