Nigeria, repressa nel sangue manifestazione sciita

Visualizzazioni : 28

Le forze di sicurezza della Nigeria hanno ucciso almeno sei manifestanti che chiedevano l’immediata liberazione dell’anziano leader religioso sciita, Sheikh Ibrahim al-Zakzaky, rinchiuso in un carcere governativo dal 2015.

NigeriaGli scontri si sono verificati ieri nella capitale Abuja, quando le forze di sicurezza hanno attaccato deliberatamente un gruppo di manifestanti pro-Zakzaky e hanno aperto il fuoco su di loro usando proiettili veri. Nel corso degli scontri almeno sei civili sono rimasti uccisi, tra cui un minorenne, e altre decine di persone sono rimaste ferite.

Sheikh Ibrahim al-Zakzaky, ora 66enne, è detenuto dal dicembre 2015 dopo che la sua residenza nella città di Zaria è stata saccheggiata dalle forze militari della Nigeria, durante la quale è stato brutalmente picchiato perdendo la vista dell’occhio sinistro. Durante l’arresto, tre dei suoi figli sono stati uccisi, sua moglie è stata gravemente ferita e oltre 300 dei suoi seguaci sono stati assassinati.

Zakzaky è stato accusato nell’aprile 2018 di omicidio, omicidio colposo, assemblea illegale, interruzione della pace pubblica e altre accuse. Si è dichiarato non colpevole, respingendo con veemenza tutte le accuse mosse contro di lui.

Nel 2016, l’alta corte federale della Nigeria a seguito di un processo ha ordinato la liberazione incondizionata di Zakzaky dal carcere, ma il governo ha finora rifiutato di liberarlo.

di Redazione

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi