Myanmar, demoliti villaggi dei musulmani Rohingya

Myanmar-Rohingya
Visualizzazioni : 27

II regime del Myanmar sta demolendo decine di villaggi dei musulmani Rohingya già bruciati nell’ovest del Paese, nel tentativo di distruggere le prove delle violenze commesse dai militari.

Le immagini satellitari del Digital Globe, con sede in Colorado, consegnate all’Associated Press venerdì scorso, hanno mostrato che tra dicembre 2017 e Febbraio di quest’anno almeno 28 villaggi spopolati sono stati demoliti da bulldozer e altri macchinari in un raggio di 50 chilometri intorno alla città di Maungdaw nello Stato occidentale di Rakhine.

In tal mondo vengono distrutte “scene del crimine” che contenevano prove delle atrocità commesse dai militari contro la minoranza della comunità musulmana Rohingya – compresi stupri, torture e omicidi. “Molti di questi villaggi sono stati scene di atrocità contro i Rohingya e dovrebbero essere preservati in modo che gli esperti nominati dall’Onu documentino questi abusi e possano valutare correttamente le prove per identificare i responsabili”, ha affermato Brad Adams, direttore dell’Asia dell’Human Right Watch, che ha pubblicato un’analisi simile venerdì scorso sostenendo che almeno 55 villaggi sono stati “smantellati”  con macchinari pesanti.

I bulldozer di queste aree non solo minacciano di cancellare la memoria e le affermazioni legali dei Rohingya che vivevano in questi luoghi non più riconoscibili, ma l’abbattimento di case e di alberi mostrerebbe che il governo sta distruggendo i villaggi per annullare i siti delle fosse comuni, come sostiene un gruppo di monitoraggio dei diritti, il Progetto Arakan, un’organizzazione per i diritti umani che documenta le atrocità contro la comunità Rohingya, e che all’inizio della settimana ha fornito al Guardian un video di un sito di una fossa comune prima della sua distruzione. “Due dei siti delle fosse comuni che conosciamo sono apparsi sui media, ma giovedì uno dei siti è stato demolito. Ciò significa che la prova delle uccisioni viene distrutta”, ha aggiunto Lewa, il direttore del gruppo.

Il governo nega le accuse, sostenendo che sta semplicemente cercando di ricostruire la regione devastata. Ha anche negato le accuse di massacro e pulizia etnica dei musulmani. Migliaia di musulmani Rohingya sono stati uccisi in una repressione militare iniziata alla fine del 2016 e intensificata nell’agosto 2017. Quasi 700mila Rohingya sono fuggiti nel vicino Bangladesh dall’agosto dello scorso anno.

Amnesty accusa la “retorica piena di odio” dei leader del Myanmar

Nel suo rapporto annuale, Amnesty International ha accusato dei massacri Rohingya la società che, secondo il gruppo, è incoraggiata dalla “retorica piena di odio” dei suoi leader. “Abbiamo visto l’ultima conseguenza di una società incoraggiata a odiare, messa a nudo nell’orribile campagna militare di pulizia etnica contro il popolo Rohingya, una minoranza divenuta capro espiatorio”, ha riferito Salil Shetty, segretario generale di Amnesty.

Nel frattempo, l’Unione europea sta preparando sanzioni contro i militari del Myanmar per le uccisioni dei Rohingya. Secondo un diplomatico dell’Ue, i ministri degli Esteri europei inviteranno il capo della politica Estera dell’Unione europea, Federica Mogherini, “a proporre misure restrittive sui membri più anziani dell’esercito del Myanmar per sistematiche violazioni dei diritti umani, senza indugio”.

Nel frattempo i bambini Rohingya affrontano la minaccia della violenza e la stagione dei cicloni

L’agenzia dei bambini delle Nazioni Unite, Unicef, ha lanciato un allarme venerdì sulla condizione di oltre 720mila bambini Rohingya che stanno affrontando una continua minaccia di violenza e abusi in Myanmar e di coloro che vivono in “una situazione molto difficile” in campi insalubri e sovraffollati in Bangladesh. Si teme che la stagione dei cicloni, che porterà forti piogge e vento forte da marzo a luglio, possa causare un’altra crisi umanitaria, tra cui malattie, inondazioni, smottamenti e ulteriori spostamenti di persone nei campi lungo il confine tra Bangladesh e Myanmar.

di Cristina Amoroso

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi