AttualitàPrimo Piano

Mmd: il pericoloso centro di ricerca e studi israeliano

Alcuni potrebbero pensare che Israele abbia solo tre servizi di intelligence: Mossad, Shin Bet e la Divisione di Sicurezza dell’esercito di occupazione. Ma in realtà ci sono altre due agenzie di intelligence, la prima si chiama Intelligence Research Center (Mmd) del Ministero degli Affari Esteri occupante, e la seconda è il Dipartimento Investigativo dell’Intelligence della polizia israeliana.

L’Intelligence Research Center – Mmd, affiliato al Ministero degli Affari Esteri israeliano, è considerato uno dei più importanti organismi di intelligence e ricerca dell’entità, tanto che l’importanza dei suoi studi, ricerche e valutazioni situazionali che produce supera qualsiasi altro istituto o centro di ricerca privato di israele (come l’Istituto per gli studi sulla sicurezza nazionale (Inss). Questo centro fornisce al Ministro degli Esteri e a tutte le missioni “diplomatiche” israeliane fuori dalla Palestina occupata, valutazioni della situazione e tutte le informazioni di cui hanno bisogno nel contesto dei loro vari compiti, che molto probabilmente includono compiti di natura di sicurezza e intelligence.

Informazioni e dettagli più importanti sul centro Mmd

È stato fondato nel 1950, con l’obiettivo di “impegnarsi nella ricerca politica ed economica relativa a tutte le relazioni estere di Israele”. Nel 1951 gli fu aggiunta una nuova missione, l’intelligence. Nel 1952, divenne il Dipartimento di ricerca politica del Ministero.

Nel 1974, il dipartimento è stato trasformato in un’unità indipendente in grado di fornire valutazioni sulla politica di sicurezza. Successivamente, il dipartimento divenne un “centro di ricerca e pianificazione politica” e membro di quella che è conosciuta come la “Comunità dell’intelligence israeliana”.

Successivamente, nel 1977, il Centro Mmd è stato rafforzato dopo la Guerra di Liberazione dell’Ottobre (1973), in seguito al rapporto della Commissione Agrant (1974), che raccomandava di organizzarlo come organismo indipendente presso il Ministero degli Affari Esteri. Uno degli obiettivi principali del Centro era condurre una valutazione strategica indipendente dell’intelligence politica.

Nel 2003, la commissione d’inchiesta sul sistema di intelligence, dopo l’invasione americana dell’Iraq, ha raccomandato di stanziare i mezzi per gestire in modo efficace il centro o di abbandonarlo come fattore che contribuisce a formare una valutazione di intelligence dell’entità.

Nel 2007, la Commissione Winograd, che indagò sulla sconfitta israeliana nella guerra del luglio 2006, raccomandò di aumentare il personale del centro e di condividere con il centro informazioni segrete provenienti dalla comunità dell’intelligence.

Valutazioni del centro

Questo centro è riuscito a valutare la posizione secondo cui lo Stato siriano non crollerà durante la guerra avviata contro di esso. Il centro è anche riuscito a mettere in guardia sull’elevata possibilità che scoppi una battaglia con la Resistenza palestinese nel corso del 2014 e prima della battaglia della Tempesta Mortale, nota nell’entità come Operazione Margine Protettivo.

Quanto agli insuccessi, riguardano la valutazione del successo dell’organizzazione terroristica wahhabita Isis e l’anticipazione dell’operazione russa in Ucraina. Anche l’operazione Al-Aqsa Storm può essere considerata uno dei fallimenti del centro – come di altri servizi di intelligence israeliani – poiché non ha lanciato alcun avvertimento strategico riguardo alla possibilità di un’operazione del genere da parte della Resistenza palestinese.

Una delle pubblicazioni più importanti del centro, riguarda un’analisi delle alternative all’esportazione di gas naturale dall’entità verso l’Europa, in cui si raccomanda che sarebbe meglio per l’entità esportare gas naturale attraverso l’Egitto invece che attraverso la Turchia, tenendo conto delle circostanze economiche, politiche, vantaggi strategici ed energetici. Questo perché, secondo il rapporto, la Turchia è un attore pericoloso e instabile.

I compiti principali del centro Mmd

  • Ricerca e analisi di Paesi, problematiche, tendenze e processi in Medio Oriente e sulla scena internazionale.
  • Aggiornare e pubblicare con regolarità le informazioni, comunicandole alle sedi principali (Ministero degli Affari Esteri) e agli uffici di rappresentanza (ambasciate), e rispondendo alle loro esigenze e richieste.
  • Tenere incontri e dialoghi con organismi simili nei ministeri degli Esteri di tutto il mondo.
  • Fornire briefing politici ai decisori di alto livello, tra cui il Primo Ministro, il Ministro degli Affari Esteri e la Presidenza della Sicurezza Nazionale, nonché i partiti internazionali e altri (come diplomatici, accademici e media).
  • Gestione dell’interazione tra la comunità dell’intelligence e il Ministero degli Affari Esteri in sede e all’estero.
  • Presentare la pubblicazione annuale dell’intelligence al Comitato ministeriale per gli affari di sicurezza delle entità, in cui vengono presentati gli sviluppi più importanti sulla scena internazionale e le questioni del Medio Oriente.

Strutturale

Il centro comprende decine di ricercatori e diplomatici ed è composto da tre dipartimenti:

La Direzione Medio Oriente comprende filiali, ciascuna delle quali è specializzata esclusivamente in specifici Paesi secondo le seguenti ramificazioni:

  1. Mazat 1: Iran, Iraq.

2. Mazat 2: Arabia Saudita, Golfo Persico, Yemen.

3. Mezzat 3: Egitto, Maghreb, Paesi Arabi.

4. Mazat 4: Siria, Libano, Giordania.

La sezione internazionale, che si compone delle seguenti sezioni:

1) Internazionale 1: Nord America e Asia.

2) Internazionale 2: Europa, Russia, Asia centrale, Turchia…

La sezione funzionale comprende le seguenti sezioni:

1) Dipartimento Aspetti economici: si occupa delle tendenze economiche a livello statale, regionale e globale, oltre alle questioni energetiche e alle sanzioni.

2) Dipartimento di Informatica: si occupa della gestione delle informazioni, delle infrastrutture tecnologiche e dei sistemi informativi e delle relazioni esterne (compreso l’hosting di corsi e corsi di formazione).

di Redazione

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi