Migranti, come arrivano in Italia

Migranti
Visualizzazioni : 35

La questione migranti continua a rimanere all’ordine del giorno nel nostro Paese. Nell’anno 2019 sono arrivate in Italia 7032 persone e di queste solo due su otto sono arrivate con navi mercantili, Ong e guardia costiera. Il resto? È arrivato per conto proprio, su barchini e gommoni, i dati provengono dal Viminale.

I dati sono aggiornati al 25 Settembre, quindi, riguardano tutto l’anno e sono di conoscenza dell’ex inquilino del Ministero dell’Intero che però li ignora tranquillamente raccontando un’altra narrazione, più conveniente e di più semplice fruibilità. Abbiamo assistito allora ad una semplice messa in scena, una battaglia finta dove si è effettuato un braccio di ferro tra politica e Ong. Il tutto, mentre l’80% di barchini e gommoni continuano ad arrivare nelle coste italiane con il viaggio della speranza prenotato via skype e tramite pagine facebook con delle cifre che vanno dai 2mila ai 4mila euro.

L’unico rischio che queste imbarcazioni corrono è quello di essere intercettati quando sono ormai a pochi metri dalla costa, così alla guardia costiera o alla guardia di finanza non spetta altro che scortarli e farli approdare. La maggior parte delle volte, arrivano di notte in tutta tranquillità e si dileguano.

Maggior parte dei migranti non viene individuata

Anche le dichiarazioni di Salvatore Vella, il procuratore di Agrigento sono molto perentorie: “Gli sbarchi fantasma sono quelli in cui l’imbarcazione accompagna i migranti sulla spiaggia e torna indietro. Quindi, gli sbarchi non vengono per la maggior parte individuati. Il numero di approdi che conosciamo è solo una stima del totale ed è sicuramente una stima per difetto. Per gli sbarchi fantasma a volte non abbiamo neppure traccia dell’imbarcazione”.

Quella che viene sfruttata è la rotta “tunisina”, come ha affermato lo stesso Vella: “Prima i migranti si fermavano in Libia e venivano gestiti da organizzazioni libiche, ora partano dalle coste tunisine. Bisognerebbe approfondire in quel territorio se ci sono collegamenti fra organizzazioni o movimenti dei migranti. In ogni caso, oggi il traffico di migranti in Libia è la seconda voce del bilancio dello Stato libico (sempre che si possa considerare la Libia come Stato), dopo il petrolio”.

Le tratte che interessano in questo momento l’Italia sono tre: dalla Tunisia e Libia verso la Sicilia, ma anche dall’Algeria verso la Sardegna e dalla Turchia verso la Calabria. A gestire la traversata su quest’ultima tratta sono organizzazioni dell’Est Europa. Negli ultimi mesi, con una frequenza sospetta, in Calabria vengono fermati continuamente moldavi, russi e ucraini con l’accusa di essere gli scafisti di barche a vela che portano sulla nostra costa centinaia gli immigrati curdi, siriani afghani e pakistani.

Il tutto accade quotidianamente e nonostante gli anni di indagine i risultati sono pressoché nulli. Il sistema è pensato in modo che sia difficile risalire all’origine del tutto, pur arrestando lo scafista egli stesso non ha idea di chi l’abbia ingaggiato perché i contatti sono di seconda, terza mano ed avvengono su cellulare in modo tale che lo scafista non possa mai conoscere chi sta a capo dell’organizzazione.

di Sebastiano Lo Monaco

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi