Le prepotenze della Germania segnano l’intera Europa

Visualizzazioni : 29

di Salvo Ardizzone

Di vincoli europei si parla continuamente, peccato che se ne tirino sempre in ballo alcuni e mai altri, quelli violati sistematicamente da chi pretende di dirigere le danze, la Germania.
Proviamo a fare un poco di chiarezza in ciò che lo è poco di suo: il tanto citato Fiscal Compact è un trattato che definisce vincoli sui conti pubblici; i principali, ripetuti come un mantra, sono: deficit di bilancio annuo inferiore al 3% e tendente allo zero; rapporto fra la massa del debito pubblico e il Pil (Prodotto Interno Lordo) da riportare almeno al 60% in vent’anni.

Su questo siamo stati e siamo martellati, ma oltre al Fiscal Compact c’è il Six Pack, che fa riferimento ai conti con l’estero e alle partite correnti; all’apparenza è un concetto oscuro, ma in fondo è semplice come il meccanismo dei vasi comunicanti. Se un Paese consuma più di quanto produce, attira beni e servizi dall’esterno e stimola la crescita degli altri (in questo caso si dice che è in disavanzo nelle partite correnti); viceversa, se consuma meno di quanto produce, manda i suoi beni e i suoi servizi a soddisfare la domanda degli altri e ne frena lo sviluppo (in tal caso si dice che è in avanzo nelle partite correnti).

Inoltre, nell’Eurozona, il Paese che è in avanzo, oltre che frenare lo sviluppo degli altri, crea un altro effetto: fa apprezzare la moneta, l’Euro appunto, che rappresenta economie diverse e diviene troppo forte per alcune (tipo Grecia, Spagna, Portogallo, Italia) frenando le loro esportazioni, ma rimane assai più debole per altre (essenzialmente la Germania e poche altre, giusto quelle del fronte del “rigore”) che di fatto scaricano una sorta di svalutazione competitiva (che incentiva ulteriormente le loro esportazioni) sulle spalle di chi è più debole.
Ma c’è molto di più: mentre il Paese che è in deficit, e aggiunge domanda al resto dell’Eurozona e al mondo, non può superare il 3% del Pil, chi invece succhia domanda all’Eurozona e al resto del mondo può farlo fino al 6% e per tre anni consecutivi (inutile dire che questa evidente asimmetria è stata voluta da Berlino e dai suoi scudieri del Nord).

Orbene, la Germania ha presentato un avanzo di partite correnti attorno al 7% del Pil già da cinque anni consecutivi e da due “dovrebbe” essere stata sanzionata. Ma abbiamo detto “dovrebbe”, perché a parte qualche timido richiamo, null’altro di concreto s’è fatto, mentre Berlino continua imperterrita per la sua strada, mostrando un avanzo sempre crescente: nel 2012 è stato di 236 Mld, di cui 77 verso l’Eurozona e 159 verso gli altri Paesi; nel 2013 di 248 Mld, di cui 60 verso la zona Euro e 188 fuori di essa; nel 2014 il trend vola verso i 280 Mld.
È uno squilibrio macroscopico, fonte di scompensi massicci quanto evidenti, che nessuno ha ritenuto di stigmatizzare chiamando chiaramente la Germania a rispondere delle sue lampanti responsabilità.

Vorremmo inoltre aggiungere e sottolineare, che c’è un’enorme differenza fra la situazione di un Paese chiamato a ridurre bruscamente deficit e debito pubblico, e quella di chi deve contenere un eccesso di partite correnti nei conti esteri: nel primo caso, secondo le ricette dei santoni del rigore (che poi sono gli stessi che lucrano sul meccanismo) vengono adottate politiche restrittive che aumentano le tasse, riducono le spese e rarefanno gli investimenti, imponendo ai cittadini a sacrifici spesso dolorosi, in uno scenario fatto di disoccupazione e fallimenti, che ha per sbocco la recessione e i costi sociali collegati che conosciamo anche troppo bene; nel secondo caso, si tratta di stimolare la domanda interna, inducendo i cittadini a consumare di più, tutto sommato a vivere meglio potendoselo permettere. Come si vede non è certo la stessa cosa.

È francamente assurdo che l’egoismo e le ottuse convinzioni di un Paese debbano segnare la vita di tanti Popoli. È incredibile, se purtroppo non fosse vero, che sia permesso a un Paese di spadroneggiare su un intero continente, libero di fare le regole che più gli convengono ed osservarle a proprio piacimento, gettando il peso del suo sviluppo sulle spalle di chi è più debole. Solo l’inettitudine, la superficialità e l’impreparazione di generazioni di classi politiche ha permesso che si realizzasse un simile sconcio.
Se vuole uscire fuori dal ghetto che le è stato preparato, l’Europa Mediterranea, ma tutta, deve individuare le proprie linee di sviluppo e cominciare una battaglia lunga e dura che non può permettersi di perdere.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi