Conoscere l'IslamCultura

Kashan capitale del Nahj-ul-Balagha

Il piano nazionale per Kashan come capitale del Nahj-ul-Balagha dell’Imam Ali è stato lanciato lunedì durante un incontro speciale. Il Ministero della Cultura e della Guida Islamica ha selezionato la città iraniana, famosa per le sue acque di rose e per i monumenti storici, come capitale del Nahj-ul-Balagha.

La scelta è stata annunciata ufficialmente dal vice ministro della Cultura, Abdolhadi Feqhizadeh. “Ci auguriamo che una serie di eventi importanti e positivi nell’arena religioso-culturale inizierà dopo che Kashan sarà stata nominata capitale del Nahj-ul-Balagha”, ha dichiarato il vice ministro.

Il Nahj-ul-Balagha (The Peak of Eloquence) fu compilato da Seyyed Razi (morto nel 1015). È stato tradotto in molte lingue, tra cui inglese, francese, russo e spagnolo.

Kashan gode di un ricco background culturale e scientifico e Allameh Qutbeddin Rawandi, come eminente commentatore del Nahj-ul-Balagha, era di Kashan. Inoltre, la città è stata sede di uno degli istituti culturali più influenti del Corano, nonché dell’Istituto dell’Imam Ali, che forma molti memorizzatori del Nahj-ul-Balagha. Il vive ministro ha aggiunto che questi sono buoni motivi per scegliere Kashan come capitale del Nahj-ul-Balagha.

Le mille bellezze di Kashan

Kashan abbraccia abbondanti paesaggi panoramici, siti storici e monumenti come il Fin Garden registrato dall’Unesco con i suoi edifici dell’era Safavide e Qajar, la casa Tabatabai, la casa Borujerdi, la casa Ameri, un bazar tradizionale e la moschea Jame di Kashan.

Ogni anno, alla fine di aprile, dozzine di festival della rosa e dell’acqua di rose si svolgono a Kashan coinvolgendo anche altre cittadine e villaggi vicini.

Le cerimonie di distillazione, comunemente note come “Golab-giri”, di solito attirano migliaia di persone da diverse parti del Paese e dall’estero per testimoniare la tradizione iconica della regione. 

Mentre la città e i suoi villaggi vicini sono ricoperti di rose rosa e il profumo dei fiori si diffonde nell’area, i visitatori possono vivere un’esperienza unica osservando il processo di produzione dell’acqua di rose dalla raccolta ai petali di rosa fumanti.  

di Redazione

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi