Discover Iran

Isfahan, Ashraf Hall stupenda opera di architettura

Ashraf Hall è un palazzo dell’era safavide che si è trasformato in un’attrazione di primo piano nella storica città di Isfahan, nell’Iran centrale.

Ashraf Hall si trova nella zona di Dolat-khaneh. Ha fatto parte dei magnifici edifici safavidi insieme ad altri monumenti come la Sala interna, il Palazzo Hasht Behesht, il Palazzo Posht-e-Matbakh, Rakib Khaneh e la Sala Timuride.

La costruzione di Ashraf Hall fu iniziata durante il regno di Shah Abbas II e completata all’epoca del suo successore, Shah Suleiman. Il palazzo è particolarmente glorioso per la sua decorazione artistica, dipinti, muqarnas, stucchi e soffitti proporzionali. Molti turisti che hanno visitato Isfahan hanno descritto la sala come uno splendido e bellissimo edificio.

Secondo alcuni studiosi, Ashraf Hall era stata utilizzata come magazzino di foraggio all’inizio della seconda guerra mondiale. Un’unità militare era di stanza lì. I bellissimi dipinti e gli stucchi dell’edificio erano coperti da un rivestimento in gesso.

Alla fine del periodo Qajar, la sala fu parzialmente restaurata e salvata dalla distruzione. Successivamente furono effettuate ulteriori riparazioni: i dipinti furono scoperti e restaurati da importanti maestri e artisti di Isfahan.

Isfahan, l’altra metà del mondo

Visitare la città di Isfahan è come passeggiare in un grandissimo museo, costellato di monumenti, palazzi, edifici, siti archeologici, ponti, moschee e chiese. La zona più importante sotto il profilo storico, culturale ed architettonico di Isfahan è l’immensa piazza Naqshe-Jahan (in persiano significa Dipinto del Mondo), circondata dalla moschea Imam Khomeini, dalla moschea Sheikh Lutfullah, dalla regia di Ali Qapu e dal Bazaar tradizionale. Riunisce un miscuglio più unico che raro di bellezze architettoniche e costituendo il centro dei principali monumenti. Per questo è di solito la prima meta dei turisti iraniani e stranieri. La piazza venne registrata nella lista del patrimonio culturale nazionale nel 1935 e nella lista del patrimonio culturale mondiale dell’Unesco nel 1979.

di Yahya Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi