Asse della Resistenza

Irgc: Israele imprigionato nei suoi stessi muri di cemento

Il comandante del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (Irgc), maggiore generale Hossein Salami, ha affermato che il regime israeliano ha fallito nel realizzare il suo sogno di costruzione dello “Stato” ed è ora imprigionato nei propri muri di cemento.

“Quando il nemico non è in grado di completare il suo progetto di costruzione dello “Stato”, e quando il regime sionista fallisce nella sua strategia di costruire un’entità falsa dal Nilo all’Eufrate mentre è intrappolata negli enormi muri di cemento che lo circondano, ciò significa che gli equilibri di potere sono cambiati a favore dell’Islam e della Rivoluzione Islamica”, ha dichiarato il maggiore generale Hossein Salami, in una cerimonia organizzata dall’Irgc per presentare il nuovo capo dell’unità di controspionaggio dell’Irgc, generale di brigata Khademi.

Il comandante in capo dell’Irgc ha ricordato alcune operazioni contro i nemici come il sequestro della petroliera britannica “Stena Impero”, la distruzione del gigantesco drone da ricognizione statunitense, la cattura di marines americani, l’attacco missilistico alla base statunitense di Ain al-Assad in Iraq come pochi esempi in cui l’Irgc ha infranto la volontà e il potere del nemico.

di Redazione

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi