Conoscere l'Islam

Imam Ali, anniversario della nascita

Il 13° giorno di Rajab, il 7° mese del calendario lunare, è l’anniversario del compleanno dell’Imam Ali, il 1° Imam dei musulmani sciiti. Il calendario iraniano segna la data come la festa del papà.

L’Imam Ali, il cui compleanno è un’occasione per celebrare l’età adulta, è rispettato sia dai musulmani sunniti che da quelli sciiti per la sua onestà, fede, coraggio, conoscenza, lealtà al profeta Maometto e devozione all’Islam. Nacque a Kaaba alla Mecca, Arabia (ora Arabia Saudita), nel 599 dC da Abu Talib, zio del Profeta Muhammad e Fatimah Bint Asad.

Fu il primo uomo (e la seconda persona dopo la moglie del Profeta Khadijah) a convertirsi all’Islam dopo che il Profeta Muhammad ricevette la sua rivelazione divina e dichiarò l’Islam in pubblico sulla base dell’ordine di Allah. Dal 610 d.C. al 622 d.C., l’Imam Ali trascorse gran parte del suo tempo provvedendo ai bisogni dei credenti alla Mecca, in particolare i poveri, distribuendo ciò che aveva tra loro e aiutandoli nelle loro faccende quotidiane.

La notte dell’emigrazione del Profeta a Medina, sapendo che i suoi nemici stavano complottando per assassinarlo, il Profeta Muhammad chiese all’Imam Ali di prendere il suo posto e dormire nel suo letto. Il Profeta lasciò quindi la Mecca e raggiunse Medina sano e salvo diversi giorni dopo (il suo arrivo segna l’inizio del calendario islamico). Quando i cospiratori sono entrati nella casa di Maometto con i pugnali sguainati, sono rimasti profondamente sorpresi di trovare Ali, a cui non hanno fatto del male.

Imam Ali sposò figlia del profeta

Nel 623 d.C., l’Imam sposò la figlia del Profeta Fatimah, che diede alla luce l’Imam Hasan e l’Imam Hussein, il secondo e il terzo Imam dei musulmani sciiti. L’Imam Ali ha preso parte alle battaglie di Badr, Ohud, Khandaq, Khaybar e molte altre battaglie che hanno avuto luogo nei primi anni dell’Islam.

Mentre tornava a Medina dal suo ultimo pellegrinaggio nel 632 d.C., il Profeta fece alcune dichiarazioni a Ghadir Khumm sull’Imam Ali. Secondo entrambe le tradizioni, il Profeta disse che l’Imam Ali era suo erede e fratello e che chiunque avesse accettato il Profeta come suo mawla (maestro) avrebbe dovuto accettare anche l’Imam Ali come suo mawla. L’Imam ha anche raccolto tutte le spiegazioni del Profeta sui versetti del Corano e le ragioni dietro la loro rivelazione.

Al tempo di tre califfi, vale a dire Abu Bakr, Umar ibn al-Khattab e Uthman ibn Affan-Imam Ali non avevano un posto ufficiale. Ma nei casi in cui gli chiedevano qualche consiglio che fosse nell’interesse della comunità islamica, non ha esitato. Quando il terzo califfo fu ucciso, le persone diedero la loro fedeltà all’Imam Ali e fu scelto come califfo.

L’assassinio di Ali

Durante il suo califfato di quattro anni e nove mesi, l’Imam Ali seguì la via del Profeta e avviò molte riforme. Naturalmente, queste riforme erano contrarie agli interessi di alcuni partiti che cercavano il proprio vantaggio. Di conseguenza, un gruppo di compagni fece pretesto alla morte del terzo califfo per alzare la testa all’opposizione e iniziò a ribellarsi contro l’Imam.

Il 19 del Ramadan nel 661 d.C. fu colpito alla nuca con una spada avvelenata mentre pregava nella moschea di Kufa. Morì due giorni dopo e fu sepolto a Najaf, in Iraq. Il suo santuario a Najaf è uno dei più importanti luoghi di pellegrinaggio tra i musulmani. Numerose citazioni dell’Imam sono diventate parte della cultura islamica e sono citate come aforismi e proverbi nella vita quotidiana.

Nel X secolo uno degli eccezionali studiosi sciiti, Sayyid Sharif al-Raḍi, riunì molti dei sermoni, delle lettere e dei brevi detti dell’Imam Ali che trattavano vari argomenti nel libro Nahj al-Balaghah (Il sentiero dell’eloquenza), che divenne uno dei libri più letti e influenti nel mondo islamico.

Nel calendario persiano la festa del papà coincide con l’anniversario della nascita dell’Imam Ali poiché, nell’Islam, ai genitori viene assegnato uno status elevato e il Santo Corano ha spesso esortato i musulmani a onorare, rispettare e obbedire ai loro genitori.

di Redazione

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi