Conoscere l'IslamEuropaMedio OrientePrimo Piano

Sigonella, il Grande Fratello siciliano

di Giovanni Sorbello

La base di Sigonella è divenuta la più grande stazione aeronavale d’intelligence americana, grazie al nuovo sistema AGS (Alliance Ground Surveillance), installato per sorvegliare la superficie terrestre e la raccolta e l’elaborazione d’informazioni strategiche. Gli investimenti per le ultime infrastrutture ammontano a un miliardo e seicento milioni di euro. Il 10% dell’importo è stato sostenuto dal governo italiano, assicurando gli appalti ai noti imprenditori dell’edilizia militare.

Gli Stati Uniti hanno voluto ripagare la fedeltà dell’Italia per aver condiviso scelte internazionali a dir poco discutibili (guerre in Afghanistan e Iraq, nuova base militare ad Aviano, comandi Africom a Napoli e Vicenza e stazione radar satellitare MUOS a Niscemi).

L’elemento principale del sistema AGS è rappresentato dal modernissimo velivolo senza pilota, equipaggiato con sistemi radar e sensori in grado di rilevare, seguire e identificare con accuratezza e da grande distanza, il movimento di qualsiasi veicolo sul terreno. Questo veivolo si chiama Euro Hawk Uav, una variante specifica dell’RQ-4B Global Hawk. Il primo prototipo di Euro Hawk è entrato operativo nel 2009, costruito dai giganti dell’industria militare americana, Northrop Grumman ed Eads. Le due aziende hanno stipulato un contratto di 410 milioni di euro. Sei sono i velivoli dislocati a Sigonella, a cui si aggiungono i quattro RQ-4B assegnati in Sicilia da l’US Air Force. Per l’intero sistema di rilevazione è prevista una spesa complessiva vicina ai quattro miliardi di euro.

A beneficiare della somma è un consorzio di imprese statunitensi ed europee: oltre a Northrop ed Eads ci sono anche General Dynamics, Thales e l’italiana Galileo Avionica, società del gruppo Finmeccanica. A Sigonella sono centralizzate le attività di raccolta d’informazioni ed analisi di comunicazioni, segnali e strumentazioni straniere, trasformando la Sicilia in una grande centrale di spionaggio mondiale.

Nell’isola sono arrivati altri 800 militari Nato con le rispettive famiglie. I comuni limitrofi a Sigonella hanno repentinamente approvato quattro varianti ai rispettivi piani regolatori, consentendo la costruzione su terreni agricoli e aranceti, di confortevoli residence per i militari e civili americani.

Che i proprietari dei terreni siano noti imprenditori siciliani non può certo stupirci, dopo oltre sessanta anni di occupazione dovremmo aver capito chi decide per il nostro destino.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi