I “rivoluzionari” dell’Isis e i “pagliacci” made in Italy

Visualizzazioni : 32

di Salvo Ardizzone

Qualche giorno fa, il deputato del Movimento 5 Stelle Di Battista ha postato sul blog di Grillo un lunga riflessione sulla situazione irachena; qui non vogliamo entrare nell’ipocrita polemica che s’è innescata, alimentata nella gran parte da personaggi che a stento sanno dove si trovi quel Paese, qui vogliamo porre alcune brevi riflessioni.

Primo: le dichiarazioni di Di Battista dimostrano la sua totale incomprensione di cosa sia l’Isis, quale sia la sua genesi e i suoi scopi; il fatto che si tratti, come universalmente noto, di una creatura eterodiretta, creata a tavolino e foraggiata alla grande da potenze terze (leggi Stati del Golfo in primis e poi Israele con l’appoggio Usa) per destabilizzare quell’area, pare completamente ignoto al parlamentare, che ne parla invece come di un movimento di guerriglia come altri. 

Secondo: attribuire all’Isis l’obiettivo “politico” di mettere in discussione alcuni stati a suo tempo creati dalle potenze coloniali, rivela altrettanta ignoranza sugli scopi e sulle finalità di quella galassia terrorista, che di politico non ha e non può avere nulla, in quanto estraneo alla sua unica ragione d’essere: la destabilizzazione di aree e stati che non siano funzionali al Golfo e a chi gli è in questo alleato (al momento ancora Israele).

Terzo: auspicare una trattativa con l’Isis, dimostra ancora la totale sconoscenza di quella realtà, le sue finalità e le sue motivazioni; è semplicemente impossibile perché mancherebbero gli elementi base di ogni trattativa: interlocutore e temi su cui esso può e intende trattare. 

Una simile ignoranza è già colpevole in chi, rivestendo il ruolo istituzionale di parlamentare, sconoscendo l’argomento dovrebbe quanto meno tacere invece di lanciarsi in analisi improbabili; essa diviene tuttavia assolutamente inammissibile in chi, come Di Battista, è addirittura vice presidente della Commissione Esteri della Camera. 

La sua riflessione gronda la solita retorica del dialogo applicata a prescindere, nella presunzione, invero assai provinciale, di poter adottare i medesimi criteri di merito e giudizio di casa nostra anche a realtà, non solo sconosciute, ma appartenenti a società, culture e scenari immensamente diversi, di cui non ritiene di doversi prima debitamente informare. 

In questo Di Battista non è solo all’interno del suo Movimento, come dimostrano alcune dichiarazioni in margine alla riunione delle Commissioni Esteri e Difesa che autorizzava l’invio di armi ai curdi; in esse, alcuni parlamentari 5 Stelle caldeggiavano un dialogo “con gli elementi bahatisti dell’Isis”! È stupefacente la leggerezza con cui soggetti, che pur rivestono ruoli istituzionali, pronuncino simili corbellerie, confondendo incredibilmente ruoli, posizioni e vicinanze tattiche, in uno scenario delicatissimo.

Con tutto il rispetto, vorremmo dire ai suddetti parlamentari che parlare di politica estera in generale, e di temi delicati come quelli medio orientali, non è come lanciare facili invettive contro rimborsi elettorali fasulli o l’eccessivo stipendio del commesso di Montecitorio. In chi pretende d’essere l’unica opposizione d’un sistema marcio e asservito, tale manifesta ignoranza, tale dilettantismo noncurante è semplicemente inammissibile.    

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi