Attualità

George Soros: coronavirus potrebbe porre fine all’Ue

Il miliardario George Soros ha affermato che il coronavirus potrebbe portare alla fine dell’Ue perché è quella che ha definito “un’unione incompleta”. Soros ha espresso i suoi dubbi sulla sopravvivenza dell’istituzione in quanto “unione incompleta” e ha citato la sentenza della Germania sulla Banca centrale europea come motivo di preoccupazione, riporta Daily Mail.

L’89enne ha anche ipotizzato che la pandemia globale potrebbe porre fine al capitalismo così come lo conosciamo. La scorsa settimana, mentre le preoccupazioni per la governance italiana e spagnola colpivano i mercati europei, George Soros ha aggiunto ulteriore pessimismo.

“Abbiamo avuto pandemie di malattie infettive sin dalla peste bubbonica. Erano abbastanza frequenti nel diciannovesimo secolo, e poi abbiamo avuto l’influenza spagnola alla fine della prima guerra mondiale, che si è effettivamente verificata in tre ondate, con la seconda ondata la più mortale. Milioni di persone sono morte. Abbiamo avuto altri focolai gravi, come l’influenza suina solo un decennio fa. Quindi, è sorprendente vedere ancora oggi dei Paesi impreparati ad affrontare emergenze simili”, ha aggiunto Soros.

George Soros, Angela Merkel chiave per risolvere crisi europea

Non è la prima volta che George Soros lancia previsioni negative sull’Europa. A gennaio del 2015 a Davos, quando aveva parlato di un’Unione europea depressa, in disintegrazione e in deflazione accanto ad una “nuova Ucraina democratica”. Nel gennaio del 2016 aveva avvertito che l’Europa, per la crisi dei migranti era in “pericolo di cacciare la palla oltre la collina”, aggiungendo che il cancelliere tedesco Angela Merkel era la chiave per risolvere la crisi europea.

Soros, in un articolo pubblicato sul sito Project Syndicate, ha previsto tempi duri per le democrazie occidentali dopo la Brexit e le elezione di Trump. Il magnate definisce il presidente americano “un artista della truffa e aspirante dittatore”.

“Anche se Trump ha attenuato la sua retorica da quando è stato eletto, non ha cambiato né il suo comportamento né i suoi consiglieri. Il suo gabinetto comprende estremisti incompetenti e generali in pensione”, scrive il magnate ebreo.

di Yahya Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi