L’Europa non deve interferire negli affari interni dell’Iran

Visualizzazioni : 2

Iran – Il presidente della commissione per la sicurezza nazionale e la politica estera del Parlamento iraniano ha respinto alcune affermazioni dei Paesi europei sul programma missilistico della Repubblica islamica, affermando che non dovrebbero essere autorizzati a interferire negli affari del Paese.

IRAN_UEParlando con l’agenzia di stampa Tasnim, Heshmatollah Falahat Pishe ha criticato la recente dichiarazione dell’Ue sul meccanismo finanziario per gli scambi con l’Iran, noto come strumento a sostegno degli scambi commerciali (Instex), in cui il blocco ha criticato i test sui missili balistici della Repubblica islamica.

In otto clausole della dichiarazione sull’Instex, gli europei hanno sollevato “dichiarazioni vuote” sul programma missilistico iraniano, ha deplorato il legislatore. “Non dovremmo permettere loro di interferire negli affari interni dell’Iran, incluso il programma missilistico e di difesa”, ha proseguito.

I funzionari iraniani hanno ripetutamente sottolineato che il Paese non esiterà a rafforzare le sue capacità militari, compreso il suo potere missilistico, che sono interamente destinate alla difesa e che le capacità di difesa della Repubblica Islamica non saranno mai oggetto di negoziati.

La scorsa settimana, Gran Bretagna, Francia e Germania hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sulla creazione dell’Instex che consentirà il commercio tra l’Ue e l’Iran senza fare affidamento su transazioni finanziarie dirette. Il Consiglio dell’Unione europea ha emesso una conclusione sulla Repubblica islamica, esortando l’Iran ad “adottare e attuare la legislazione necessaria in virtù degli impegni assunti nell’ambito del piano d’azione del Gruppo di azione finanziaria internazionale (Gafi)”. L’Ue ha anche espresso disponibilità a “continuare la cooperazione con l’Iran in questi settori, anche fornendo assistenza tecnica per l’attuazione del piano d’azione Gafi”.

Iran non accetterà mai le “condizioni umilianti” del meccanismo finanziario dell’Unione europea

Il capo della magistratura iraniana, Ayatollah Sadeq Amoli Larijani, ha sottolineato che il Paese non accetterà mai le “condizioni umilianti” del meccanismo finanziario dell’Unione europea per gli scambi con l’Iran, inclusa l’adesione del Paese al Fatf.

“I Paesi europei hanno riferito di aver stabilito due” strane condizioni “per il meccanismo denominato Instex. I Paesi dovrebbero essere consapevoli che l’Iran non accetterà in alcun modo queste condizioni umilianti e non accetterà alcuna richiesta a la spesa per aprire un piccolo corso d’acqua come Instex”, ha dichiarato LarijaniSecondo quanto riferito dai media, i Paesi europei useranno inizialmente il canale solo per vendere cibo, medicinali e dispositivi medici in Iran.

L’Ue ha promesso di contrastare le rinnovate sanzioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla Repubblica Islamica, anche attraverso una nuova legge per proteggere le aziende europee da misure punitive.

L’8 maggio, il presidente americano ha ritirato il suo Paese dal Joint Comprehensive Plan of Action (Jcpoa), l’accordo nucleare che è stato raggiunto a Vienna nel 2015 dopo anni di negoziati tra l’Iran e il gruppo 5+1 (Russia, Cina, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Germania). Dopo l’uscita degli Stati Uniti, l’Iran e le restanti parti hanno avviato colloqui per salvare l’accordo.

Il 6 agosto scorso, Trump ha firmato un ordine esecutivo che ha imposto molte sanzioni all’Iran, tre mesi dopo aver ritirato l’accordo sul nucleare iraniano. Il presidente americano ha dichiarato che la politica degli Stati Uniti è di imporre “la massima pressione economica” sul Paese. Il secondo lotto di sanzioni statunitensi contro la Repubblica islamica è entrato in vigore il 4 novembre scorso.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi