Due miliardi di persone vivono in povertà

povertà
Visualizzazioni : 72

Due miliardi di persone vivono in povertà, mentre 753 milioni vivono in condizioni di estrema povertà e stanno lottando per sopravvivere, riporta il Global Humanitarian Assistance Report 2018. La situazione di persone indifese che soffrono di carestia, siccità, conflitti e disastri naturali è emersa nella Giornata umanitaria mondiale che ricorre ogni anno il 19 agosto, indetta per sostenere le persone colpite da crisi in tutto il mondo.

povertàSecondo il rapporto di assistenza umanitaria globale 2018, almeno 201 milioni di persone in 134 Paesi hanno bisogno di assistenza umanitaria per sopravvivere, ha riferito l’agenzia Anadolu. Il rapporto evidenzia che 20,7 milioni di persone nello Yemen sono in uno stato di bisogno, seguite dalla Siria dove 13,7 milioni di persone hanno bisogno di assistenza. Ospitando 3,5 milioni di siriani, la Turchia è arrivata terza nella lista con 12,8 milioni di persone bisognose di assistenza umanitaria.

Inoltre, Etiopia, Iraq, Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Sud Sudan, Afghanistan, Somalia, Kenya, Haiti, Malawi, Colombia, Sudan, Ciad, Zimbabwe, Mali, Ucraina, Camerun, Libano, Pakistan, Burundi, Giordania, Africa centrale Repubblica, Uganda, Niger, Palestina, Mozambico, Madagascar, Libia, Angola, Bangladesh, Sri Lanka, Nepal e Myanmar sono stati menzionati nell’elenco.

L’Etiopia, il Niger, il Pakistan, il Somalo, il Sud Sudan e il Sudan hanno affrontato contemporaneamente tre tipi di crisi, come conflitti, disastri naturali e migrazioni forzate. Due miliardi di persone ricevono meno di 3,2 dollari al giorno, mentre le persone estremamente povere, la cui cifra è di 753 milioni, hanno meno di 1,9 dollari al giorno. Il rapporto ha anche menzionato il numero di sfollati forzati in tutto il mondo aumentato di 2,9 milioni nel 2017 rispetto al dato dell’anno precedente, in quanto il numero totale ha raggiunto 68,5 milioni.

Assistenza per la Siria

Il rapporto afferma che il 60% di tutte le assistenze è andato in 10 Paesi nel 2017, il 14% dei quali è stato inviato in Siria, che era il maggiore destinatario; lo Yemen ha ricevuto l’otto percento. La Siria è stata il principale beneficiario di aiuti umanitari per il quinto anno consecutivo. La Grecia e la Turchia sono tra i 10 maggiori beneficiari di assistenza umanitaria per la prima volta a causa di migranti irregolari. La Turchia è stata la via principale per i migranti irregolari che cercano di arrivare in Europa, specialmente dal 2011, quando è iniziata la guerra in Siria.

La Turchia diventa il più grande donatore

Nel 2017, la Turchia è stato il più grande donatore di aiuti umanitari con 8,07 miliardi di dollari, afferma il rapporto. Gli Stati Uniti seguono la Turchia con 6,68 miliardi di dollari, mentre la Germania ha donato 2,99 miliardi di dollari e il Regno Unito 2,52 miliardi di dollari. Nella classifica basata sul reddito nazionale lordo dei Paesi, la Turchia è arrivata prima. La Turchia ha mantenuto il titolo di “paese più generoso”, risparmiando lo 0,85 per cento del suo reddito nazionale per gli aiuti umanitari nel 2017.

Nel 2017, l’importo totale per gli aiuti umanitari a livello mondiale ha raggiunto 27,3 miliardi di dollari con un aumento del tre percento; la cifra per il 2016 è stata di 26,4 miliardi di dollari. La Turchia ha fornito un terzo degli aiuti umanitari globali del 2017. Il rapporto sottolineava che nel 2017 la Turchia ha ospitato 3,5 milioni di siriani, più di ogni altro Paese.

La Turchia sta compiendo sforzi per dare una mano a tutti coloro che necessitano di aiuti umanitari, sia all’interno del Paese che a livello mondiale. Il Paese è stato l’unico che ha stabilito campi in Iraq per coloro che sono stati sfollati. L’Autorità turca per la gestione delle calamità e delle emergenze (Afad) ha istituito tre campi per gli ezidi e i turkmeni che fuggono da Daesh. Con 61 uffici in 59 Paesi, l’Agenzia di cooperazione e coordinamento turca (Tika) sta raggiungendo le regioni oppresse in tutto il mondo con assistenza umanitaria.

La Turchia ha ospitato il World Humanitarian Summit a Istanbul nel maggio 2016 per la prima volta nella storia. La Turchia sostiene anche l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (Unrwa).

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi