Medio OrientePrimo Piano

Dissidenti nell’inferno delle carceri saudite

Diversi attivisti e dissidenti imprigionati in Arabia Saudita, tra cui un certo numero di donne che hanno partecipato alla campagna per il diritto di guidare, sono stati picchiati e torturati durante gli interrogatori, ha riferito Amnesty International.

dissidentiL’Arabia Saudita ha arrestato almeno 10 donne e sette uomini per accuse di sicurezza nazionale legate al loro lavoro sui diritti umani. Tra gli arrestati ci sono Loujain al-Hathloul, Eman al-Nafjan e Aziza al-Yousef, che avevano fatto una campagna per il diritto di guidare prima che il divieto, durato decenni, fosse revocato a giugno.

Amnesty ha dichiarato che, secondo le tre testimonianze ottenute, alcuni degli attivisti sono stati ripetutamente torturati mediante elettrocuzione e flagellazione, lasciando alcuni incapaci di camminare o di stare in piedi correttamente. In un caso, un attivista è stato appeso al soffitto. Un’altra testimonianza ha riferito che una delle donne detenute è stata sottoposta a molestie sessuali da parte di agenti con volto coperto.

Il regno saudita è al centro di accuse internazionale dopo il brutale omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi, che aveva scritto criticamente sul giro di vite sul dissenso del principe ereditario Mohammad bin Salman, compresi gli arresti delle attiviste donne. Khashoggi è stato ucciso e poi smembrato lo scorso 2 ottobre dagli agenti sauditi nel consolato del regno a Istanbul.

“Solo poche settimane dopo lo spietato omicidio di Jamal Khashoggi, queste notizie sconvolgenti di torture, molestie sessuali e altre forme di maltrattamento, denunciano ulteriori oltraggiose violazioni dei diritti umani da parte delle autorità saudite”, ha dichiarato Lynn Maalouf, direttore di Amnesty per il Medio Oriente.

Alcuni degli attivisti imprigionati non erano in grado di camminare o di stare in piedi correttamente, avevano scosse incontrollate delle mani e segni sui loro corpi. Secondo quanto riferito, uno degli attivisti ha tentato di suicidarsi ripetutamente all’interno della prigione, ha riferito Amnesty.

In carcere è finito anche Samar Badawi, il cui fratello Raif Badawi sta scontando 10 anni di prigione ed è stato pubblicamente fustigato nel 2015 per accuse relative a post sul blog critici nei confronti dei religiosi ultraconservatori del regno. Tra gli altri detenuti figurano Nassima al-Sada, attivista per i diritti della Provincia Orientale, e Hatoon al-Fassi, uno stimato professore della storia del Golfo Persico che è stato recentemente proclamato vincitore dell’Acadic Freedom Award dall’Arizona Middle East Studies Association.

Alcune delle donne detenute erano in prima linea nella lotta per revocare leggi sulla tutela che danno ai parenti maschi l’ultima parola sul fatto che una donna possa sposarsi, ottenere un passaporto o viaggiare.

Dana Ahmed, una ricercatrice di Amnesty, ha dichiarato all’Ap che le autorità saudite non hanno ancora accusato nessuno di loro, aggiungendo che il giro di vite iniziato a maggio ha preso di mira i difensori dei diritti umani, compresi molti che erano rimasti in silenzio per anni e in precedenza erano stati perseguitati.

di Giovanni Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi