Diritti umani, allarme Onu in Arabia Saudita

diritti-umani
Visualizzazioni : 81

I membri del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite hanno denunciato la situazione dei diritti umani in Arabia Saudita e hanno condannato l’uso della tortura e le detenzioni illegali da parte del regime appoggiato dall’Occidente. Hanno condannato anche i processi ingiusti degli oppositori, tra cui donne attiviste e giornaliste. La dichiarazione congiunta, che è stata letta durante una riunione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, rappresenta la seconda volta in sei mesi in cui l’organismo ha criticato il regime saudita. I membri hanno esortato il regime a stabilire la verità sull’assassinio del giornalista Jamal Khashoggi al consolato di Istanbul lo scorso ottobre e ad assicurare che gli autori siano assicurati alla giustizia. Ironia della sorte, l’Arabia Saudita è tra i 47 Stati membri del Consiglio. L’ambasciatore saudita ha lasciato la stanza circa un’ora prima di leggere la dichiarazione.

Il caso di Loujain al-Hathloul

Tra coloro che hanno partecipato alla riunione del Consiglio per i diritti umani c’era Lina al-Hathloul, la cui sorella – l’attivista saudita Loujain al-Hathloul – è stata arrestata lo scorso anno e presumibilmente torturata, e di cui ha chiesto il rilascio. Loujain al-Hathloul è tra una dozzina di attivisti di spicco che sono stati arrestati nel maggio 2018 nelle settimane prima che venisse revocato il divieto di guidare alle donne in auto nel regno.

In un discorso al consiglio, al-Hathloul ha sollevato la detenzione di sua sorella e di altre donne attiviste. “Loujain è stata incarcerato per aver promosso l’attuazione della dichiarazione di Vienna sui diritti umani che afferma il pieno ed equo godimento da parte delle donne di tutti i diritti umani. “Loujain non è riuscita a guidare nella sua città natale di Riyadh perché è stata arrestata proprio prima che il governo saudita revocasse il divieto di guida per le donne”. Ha aggiunto che sua sorella è stata etichettata come “traditrice” per l’attivismo per i diritti delle donne. “L’hanno torturata e poi hanno tentato di scambiare la sua libertà in cambio della sua negazione pubblica della tortura”.

Diritti umani tra abusi e torture

Le organizzazioni per i diritti umani, tuttavia, hanno documentato l’uso diffuso della tortura nell’estrazione di confessioni, anche da individui successivamente giustiziati per aver partecipato a proteste quando erano minorenni. L’attenzione sui diritti umani in Arabia Saudita si è intensificata dall’omicidio di Khashoggi, di cui è stato ampiamente accusato il sovrano de facto del Paese, il principe ereditario Mohammed bin Salman.

Agnes Callamard, l’esperto delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali in tutto il mondo, ha dichiarato in un rapporto dello scorso giugno che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman e altri alti funzionari dovrebbero essere indagati sull’omicidio di Khashoggi, vista quella che lei chiamava prove credibili contro di loro. Sebbene la dichiarazione congiunta abbia riconosciuto le riforme saudite, compreso l’annuncio del mese scorso che le restrizioni ai diritti delle donne di viaggiare saranno revocate, ha affermato che permangono profonde preoccupazioni.

“Tuttavia, rimaniamo profondamente preoccupati per la situazione dei diritti umani in Arabia Saudita. Gli attori della società civile in Arabia Saudita devono ancora affrontare persecuzioni e intimidazioni”, ha affermato l’ambasciatore australiano Sally Mansfield, leggendo la dichiarazione. “Siamo preoccupati per le notizie di tortura, detenzione arbitraria, sparizioni forzate, processi iniqui e molestie nei confronti di persone impegnate nella promozione e nella difesa dei diritti umani, delle loro famiglie e dei loro colleghi”, ha affermato.

di Giovanni Sorbello

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi