Crisi Ilva: aspettando un nuovo “miracolo” renziano

Visualizzazioni : 27

di Salvo Ardizzone

L’Ilva, è arcinoto, è il più grande centro siderurgico d’Europa che, sotto la gestione dei Riva, ha avvelenato Taranto e tenuto l’intera città sotto l’ignobile ricatto fra lavoro (e licenza d’inquinare a volontà) e salute. Non ci soffermeremo sulle vicende giudiziarie che hanno fatto scoppiare quel bubbone, se ne sono occupate ampiamente le cronache: il succo è che quell’acciaieria era una gallina dalle uova d’oro per la proprietà, perché produceva in spregio d’ogni norma ambientale e non solo. Dopo il commissariamento, i nodi sono venuti tutti al pettine.

Secondo autorevoli stime, quel colosso ha il “break-event point” (in parole povere va in pareggio coi costi) a 8 ml di tonnellate annue di produzione; al momento, sia a causa della crisi mondiale che delle travagliate vicende degli ultimi anni, ne produce 5,7, vale a dire che è in perdita netta, e pesantissima.

Venderla a qualcuno, malgrado il gran parlare, è irrealistico; quello della siderurgia è un comparto complicato in cui è in corso una ristrutturazione mondiale, sotto i morsi d’una crisi che ha ristretto i consumi. L’Arcelor Mittal, tirata in ballo dal Gruppo Marcegaglia con la benedizione del Commissario Gnudi, è interessata solo a impedire che altri competitor internazionali possano impadronirsi di quella colossale piattaforma per entrare nel mercato degli acciai speciali e inox europei, non certo per fare concorrenza a se stessa. Insomma, ha mostrato interesse, si, ma ponendo condizioni inaccettabili perché, in sostanza, prenderebbe l’Ilva per chiuderla in gran parte, e tanti saluti a operai, indotto e produzione.

Chiusa la porta in faccia alla Posco sud coreana, la quinta società al mondo, che un certo interesse l’aveva mostrato, a Taranto non resta che chiudere bottega. Ma ecco che il Governo (leggi Renzi) s’è impadronito del problema e ha promesso a breve un Decreto Salva-Ilva; peccato che, nella sostanza, i soldi – tanti, tantissimi – che la Cassa Depositi e Prestiti dovrà sganciare, non serviranno a salvare l’Ilva, a ristrutturare impianti che non possono essere ristrutturati, né a bonificare quello che è irrimediabilmente inquinato. No. Quelle saranno le motivazioni ufficiali che faranno applaudire tutti: i sindacati, che sanno benissimo come stanno le cose; il Comune e la gente a cui si dirà la panzana che s’è risolto il problema.

I soldi dei risparmiatori che hanno libretti e buoni fruttiferi alla Posta, serviranno, in primo luogo, a colmare una voragine di un miliardo e 450 milioni, rivendicato per il 62% da Intesa S. Paolo, per il 20% da Unicredit e per il 18% da Banco Popolare, prima che la società affondi definitivamente. Così una barca di soldi pubblici sanerà gli errori (e le complicità interessate?) degli istituti di credito fra gli applausi generali; non vi sarà nessuna ripresa, perché nel 2015 è follia aspettarla; non potranno essere fatti ulteriori investimenti per il risanamento perché i soldi che servirebbero sono un’enormità; le perdite diverranno insostenibili e l’Ilva affonderà inevitabilmente, ma dopo aver saldato il debito consolidato con le banche.

Chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato, con buona pace di una città stuprata con la tacita acquiescenza delle istituzioni.

Gli unici problemi che impediscono ancora a Renzi di strillare evviva con una tempesta di annunci sono, nell’ordine: il fatto che la Cassa Depositi e Prestiti (l’unica che ha i quattrini per l’operazione) non può investire in aziende in perdita (e l’Ilva è sull’orlo del fallimento); l’attenzione della Magistratura su eventuali operazioni troppo “disinvolte” e la Commissione Europea, che ha i riflettori accesi sulla vicenda.

Ma volete che il nostro funambolico Premier non trovi il modo di superarli ed intestarsi un altro strabiliante successo fra i ringraziamenti di tutti, soprattutto delle grandi banche?     

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi