FocusPrimo Piano

Cogat: altro strumento di esclusione dei palestinesi


cogat3a cura di Irene Masala

Un giudice distrettuale di Tel Aviv ha richiamato Cogat (Ente di coordinamento delle attività di governo nei Territori palestinesi) a ripristinare il servizio informativo in lingua araba rivolto ai palestinesi. Cogat infatti, aveva sospeso ogni pubblicazione sulle procedure dei permessi di movimento dai quali i palestinesi “dipendono”. Tra l’altro esiste un obbligo come disciplina Information Act nazionale.

Il Cogat fa parte del ministero della Difesa e ha il compito di coordinare e supervisionare tutte le attività della politica israeliana, sia militare che civile, in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. Proprio per esser venuto meno a quest’obbligo, il Cogat era stato ripreso il 13 gennaio scorso dal giudice di Tel Aviv a causa della reiterata omissione nella pubblicazione e divulgazione di politiche e protocolli attuati dal governo di Israele nei Territori palestinesi. Le pubblicazioni in questione interessano 4,5 milioni di palestinesi residenti a Gaza e in Cisgiordania e l’accesso a questi documenti è fondamentale perché i palestinesi siano messi nelle condizioni di accedere ai servizi.

Le procedure intese sono il rilascio dei permessi di ingresso e uscita per Gaza e Cisgiordania, i permessi di viaggio in generale e quelli supportati da motivi medici-sanitari nello specifico.

Adducendo motivi tecnici, la scorsa estate Cogat ha smesso di pubblicare queste informazioni, inaugurando tuttavia una propria pagina Facebook palesemente rivolta a un pubblico internazionale e perciò intriso di toni tolleranti e del buonismo con riferimento all’occupazione israeliana della Palestina. Questa pagina è totalmente redatta in lingua inglese e presenta la visione geografica e politica di Israele (i Territori vengono chiamati Giudea e Samaria e l’Haram Al-Sharif diventa Monte del Tempio). Non mancano infografiche e statistiche sulla libertà di transito di persone e beni preparate ad hoc.

Quello che doveva essere un ente costituito per un servizio ai palestinesi si rifà la facciata e li esclude.

Nonostante la campagna social, è improbabile che Cogat riesca ad attirare le simpatie della comunità internazionale sulle politiche israeliane nei confronti dei palestinesi dal momento che a dicembre aveva dato ordine di bloccare la costruzione di una strada ad uso dei palestinesi finanziata dall’Unione Europea per incentivare lo sviluppo di un’economia palestinese indipendente.

Source: +972

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi