PalestinaPrimo Piano

Bambini palestinesi torturati nelle carceri israeliane

Ormai sentiamo parlare del conflitto israelo-palestinese solo quando si scatena la periodica e devastante campagna di bombardamenti contro Gaza. Non fanno notizia gli abusi, le prepotenze, i diritti negati che giornalmente, da quasi 70 anni, il popolo palestinese è costretto a subire. Ma c’è qualcosa che veramente supera ogni limite di abuso e vergogna. E’ il trattamento che subiscono i bambini palestinesi nelle carceri israeliane.

Le Nazioni Unite hanno dichiarato che i bambini palestinesi detenuti nelle carceri israeliane sono sottoposti a maltrattamenti, stupri e torture sistematiche. Non sono autorizzati ad incontrare i loro genitori, e gli viene negata la possibilità di essere assistiti da un avvocato durante gli interrogatori.

Il comitato speciale delle Nazioni Unite incaricato di verificare le violazioni dei diritti umani contro i palestinesi, ha dichiarato che oltre 5000 prigionieri palestinesi vengono sottoposti a maltrattamenti sistematici. Attualmente nelle carceri israeliane venti prigionieri palestinesi sono in sciopero della fame, per protestare contro questi trattamenti inumani.

Paletta Kohona, presidente del comitato, ha dichiarato che nelle carceri israeliane sono detenuti oltre duecento bambini, molti di loro sono stati arrestati in piena notte, con gli occhi bendati sono stati trasferiti in carcere, ed i loro genitori non sono stati autorizzati ad accompagnarli.

Potrebbe sembrare assurdo, ma qualcosa di più atroce di questi atteggiamenti disumani contro dei bambini esiste. E’ quel fastidioso, imbarazzante, complice e disgustoso immobilismo che proviene da quegli Enti internazionali preposti, così solerti ad autorizzare bombardamenti in Afghanistan o in Siria, ma improvvisamente incapaci a sanzionare con i fatti, crimini che meriterebbero ben altra risposta. La loro complicità è un crimine atroce.

di Giovanni Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi