Ancora truppe Usa nell’Est Europa: il Pentagono vuole mantenere alta la crisi

Visualizzazioni : 14

di Redazione

L’Us Army intende aumentare ancora la propria presenza nell’Est Europa: nei giorni scorsi, il Capo di Stato Maggiore dell’Us Army, il Gen. Ray Odierno, ha parlato di un progetto per l’invio permanente in Germania di una brigata corazzata e di un’intera divisione nell’Est Europa.

In tale ottica, per come confermato dal Gen. Ben Hodges, Comandante del Us Army Europa, è in corso di valutazione il rischiaramento permanente della 4^ Divisione di Fanteria completa di battaglione aereo e supporti di artiglieria e logistici; ad essa potrebbe aggiungersi il 10° Gruppo Operazioni Speciali.

Queste truppe si vanno ad aggiungere a quelle inquadrate nella Task Force di reazione rapida varata durante il vertice Nato tenutosi in Galles nel settembre scorso, e ai materiali di una brigata pesante corazzata, che saranno preposizionali fra Paesi Baltici e dell’Est Europa entro dicembre (si parla di almeno 1.200 veicoli corazzati e blindati fra cui 220 carri M1-A2 Abrams).

Questo fiume di mezzi sarà “parcheggiato” in Germania, a Mannheim e nella base di Grafenwoer, in attesa che i Paesi che dovranno ospitarli attrezzino le installazioni entro l’estate prossima.

L’intero progetto complessivo di schieramento di uomini e mezzi dovrebbe essere completato entro due anni.

Nella realtà, tutto questo è solo una sceneggiata a beneficio di polacchi, baltici ed altri europei dell’Est: gli Usa non si sognano di ipotizzare uno scontro con la Russia; a loro basta tenere alta la tensione. Quelle truppe servono a tranquillizzare i loro alleati/sudditi dell’Est, che continuano a vagheggiare rivalse verso Mosca; rassicurati da quei mezzi corazzati, che di certo per loro non rischierebbero nulla, continueranno a seguire puntualmente gli ordini di Washington, coinvolgendo il resto di un’Europa sempre più succube.

La vera missione di quelle truppe è deteriorare le relazioni fra Europa e Russia; impedire collaborazioni fra due Sistemi naturalmente sinergici e così indebolire entrambi anche con l’aiuto di sanzioni suicide. Una missione resa sempre più facile dall’autolesionistica sudditanza dei Governi europei.

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi